This page was exported from BelSalento.com - Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari [ http://belsalento.altervista.org ]
Export date: Mon Oct 23 8:10:18 2017 / +0000 GMT

Nicola Nettario da Casole




a cura del dott Giovanni Greco, Francesco De Cillis e Rita Paiano medioevo

Nicola Nettario

Viene ricordato come fondatore della scuola di poesia di Otranto, i cui esponenti più importanti, oltre a lui, furono Giovanni Grasso, protonotario e maestro imperiale (1219-36) che sottoscrisse inoltre il testamento di Federico II il 10 dicembre 1250, Giorgio di Gallipoli e Nicola di Giovanni da Otranto, figlio di Giovanni Grasso. Durante il secolo XIII, il Salento geograficamente ed intellettualmente proteso a oriente era chiamato Terra d'Otranto. In quel periodo ha avuto un'intensa stagione culturale, grazie al mecenatismo di Federico II e agli intellettuali a lui strettamente legati, come Nicola Nettario.

Nicola di Otranto (Otranto, 1155/1160 circa – Casole, 9 febbraio 1235) si ipotizza sia nato ad Otranto tra il 1155 e il 1160; fu monaco, filosofo e teologo. Era chiamato Nicola Nettario dopo essere divenuto Abate. Era monaco basiliano (con il nome di Nettario)  già nel 1205, quando funse da interprete per il legato Benedetto, cardinale di S. Susanna, seguendolo durante il suo viaggio a Costantinopoli (1205-07), allora capitale dell'Impero latino d'Oriente (1204-61). Vi ritornò come interprete per il cardinale Pelagio Galvani, vescovo di Albano, nel 1214. Fu insegnante di grammatica e letteratura greca (grammatikòs) presso il Monastero di San Nicola di Casole, vicino ad Otranto. Dello stesso monastero divenne abate tra la fine del 1219 e l'inizio del 1220, dopo la morte di papa Innocenzo III nel 1216 e un anno prima dell'incoronazione dell'imperatore Federico II nel 1220. Nettario  fu il settimo e il più importante abate dell'abbazia di San Nicola di Casole. Fu molto rigido con i monaci e di sua mano soppresse "come spregevole e contraria alla regola dei Padri" la regola che esentava dal digiuno i monaci pescatori. Il Nettario fondò la scuola poetica Otrantina.

Conosceva molto bene il latino e il greco (sua lingua materna), ma anche dell'ebraico. Prima del 1198 tradusse dal greco in latino la liturgia di Basilio ed altri testi liturgici per volontà del vescovo Guglielmo di Otranto. Inizialmente fu favorevole alla politica di Innocenzo III e successivamente a quella filobizantina di Federico II. Fu anche amico e corrispondente di Giorgio Bardane metropolita di Cizico.

Mise in pratica diverse missioni diplomatiche: nel 1205 e nel 1214 per conto di Papa Innocenzo III quale interprete ai cardinali che andavano a discutere a Costantinopoli sui rapporti tra Greci e Latini; fu interprete al seguito dei legati papali Benedetto, cardinale di Santa Susanna, e Pelagio Galvani, vescovo di Albano, nei loro viaggi in Oriente, rispettivamente nel 1205-1207 e nel 1214-1215. Fu inoltre a Nicea al seguito dell'imperatore Federico II di Svevia nel 1223-1224 in Oriente, e nel 1232 a Roma, dal Papa, per discutere sulla validità del battesimo delle genti battezzate con il rito greco. Nettario, gran conoscitore del greco e del latino, creò la biblioteca di Casole con le migliaia di volumi greci e latini che raccolse nei suoi viaggi in Oriente. Nel 1223 l'amico Giorgio Bardanes, arcivescovo di Corfù si rivolgeva a lui con queste parole: Il tuo spirito palpita ed esulta e la vecchiaia ti spinge e ti desta (Hoeck-Loenertz, Nikolaos Nektarios von Otranto, Abt von Casole, Ettal 1955, 178-179).

POESIE DI NICOLA D'OTRANTO
Vol. 54, No. 1 (1984), pp. 371-379

Fu autore di scritti poetici, filosofici e teologici. Si hanno poesie scritte in metrica quantitativa e accentuativa (trimetri giambici bizantini). Si conservano di lui:

Morì il 9 febbraio 1235 a Casole.

Cfr : https://www.facebook.com/oltrelabbaziadisannicoladicasole/

Cfr : http://www.treccani.it/enciclopedia/nicola-da-otranto_(Dizionario-Biografico)/

http://belsalento.altervista.org/labbazia-di-san-nicola-di-casole/

http://belsalento.altervista.org/a-parma-il-piu-antico-manoscritto-della-lingua-salentina-del-1072-con-caratteri-ebraici/


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco, Francesco De Cillis e Rita Paiano

BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

Asimov Se la conoscenza può creare dei problemi,

non è con l'ignoranza che possiamo risolverli

(Isaac Asimov)

 

 

 

— ~ —

a cura di Giovanni Greco

info cel : 373 7244103

mail : giovanni.genau@gmail.com

fb : facebook.com/groups/belsalentoweb

— ~ —

Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.

Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.

Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

Iscriviti al nostro gruppo facebook

 

 


Post date: 2017-07-24 23:41:03
Post date GMT: 2017-07-24 21:41:03
Post modified date: 2017-09-19 09:25:14
Post modified date GMT: 2017-09-19 07:25:14

Powered by [ Universal Post Manager ] plugin. MS Word saving format developed by gVectors Team www.gVectors.com

 

</