MICENEI in BelSalento

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

bronzoMICENEI

In seguito al declino di Creta, in Grecia nel Peloponneso sorgeva la civiltà preistorica che sarebbe stata chiamata micenea o egea.

Tre grandi periodi:

1. Miceneo antico: dal 1580 a.C. al 1400 a.C.
2. Miceneo medio: dal 1400 a.C. al 1200 a.C.
3. Miceneo tardo: dal 1200 a.C. al 1100 a.C.

La civiltà micenea non si riferiva a uno Stato unitario, ma a vari centri urbani con caratteristiche sociali, culturali ed economiche comuni e con realtà politiche indipendenti e spesso in conflitto tra loro. Conoscevano la scrittura. Molteplici furono le lotte per i commerci, per reperire metalli, dirette in Spagna, nel continente europeo, in Oriente. Le ceramiche micenee ritrovate anche in Italia meridionale, dove i mercanti micenei fondarono basi commerciali. Il loro declino avvenne attorno al 1100 a.C. (inizio del Medioevo ellenico). L’arte minoico-micena.era ispirata alla guerra. maschera-doro-detta-di-Agamennone-dalle-tombe-reali-di-Micene-1600-a.C.-h-205-cm-Atene-Famosa la:  “maschera di Agamennone”, ca 1600-1500 a.C., civiltà micenea (periodo antico), oro, da Micene. Atene, Museo Archeologico Nazionale  

La regione dell’odierna Puglia ebbe sin dall’età micenea rapporti con la penisola balcanica e in particolare con le regioni illiriche per la sua posizione geografica favorevole ai contatti con i popoli dell’Adriatico. I Micenei si svilupparono nella tarda età del Bronzo nella Grecia continentale. La penetrazione micenea si diffuse lungo il mediterraneo su tutte le coste pugliesi e la Sicilia, alla ricerca di metalli (stagno ed ambra). Nel corso del 1100 a.C. i popoli semibarbari dell’area danubiana e le invasioni doriche, distrussero la civiltà micenea.

I Micenei erano politeisti e veneravano principalmente dodici dei che rimasero le divinità maggiori della religione greca: Zeus, padre degli dei e degli uomini; Era moglie di Zeus e regina degli dei; Poseidone, dio del mare; Atena, dea della sapienza; Ercole, dio messaggero degli dei; Ares, dio della guerra; Apollo, dio del sole; Afrodite, dea dell’amore; Estia, dea del focolare domestico; Demetra, dea della terra; Artemide, dea della caccia; Efesto, dio del fuoco. Al di sopra di loro incombeva il fato, un destino ignoto ed inevitabile a cui tutti dovevano sottostare.

Secondo Strabone, fuggiaschi micenei si rifugiarono anche in Leuca; e nella penisola pugliese e salentina molti sono i ritrovamenti archeologici a Porto Cesareo (Lecce), a Punta delle Terrare a Torre Santa Sabina (Brindisi) a Scoglio del Tonno (Taranto), a Scolastica (Bari), a Grotta Manacore (Gargano) e a Coppa Nevigata (Foggia). Nell’XI secolo a.C., nel periodo del ferro, la Puglia subisce una invasione illirica. Prevale l’economia agricola rispetto a quella pastorale. La ceramica assume la forma protogeometrica japigea, sostituendo quella micenea e sub-micenea.

Gli scavi hanno dato alla luce numerose testimonianze della penetrazione micenea dal II millennio fino al IX secolo a. C. nell’area di Scoglio del Tonno, Torre Castelluccia, Porto Perone, e Saturo in provincia di Taranto. Preso Parabita (Lecce) sono emerse tracce di un villaggio dalla tarda età del bronzo alla prima età del ferro. Si tratta di un riparo sotto roccia dei muretti forse di fondazione o di contenimento, due focolai, una moltitudine di fori nella roccia per l’impianto nel suolo delle capanne. Problematica appare la ricostruzione di queste, dal momento che la disposizione dei fori per i relativi pali non è regolare ed il loro diametro cambia sensibilmente. Sono stati trovati tre frammenti di ceramica micenea, forse resti di una coppa. Nel Salento si ricordano tracce in Otranto, Leuca e Porto Cesareo (località marine) e Parabita che è nell’entroterra. * In Otranto sono stati individuati, inoltre, lembi dell’abitato riferibili all’età del Bronzo finale, in cui la presenza di ceramica micenea documenta l’inserimento dell’approdo idruntino nei circuiti transadriatici. Le più antiche attestazioni di strutture abitative sono costituite dai resti di capanne: si tratta in molti casi di esili tracce relative a focolari, a segmenti di muretti di pietre a secco, a battuti di “tufina” (calcare triturato e pressato), a buche di pali ed a canaletti scavati sul banco roccioso per inserire i muri perimetrali delle capanne, realizzati con rami e frasche, e per drenare le superfici. * D’Andria 1996, pp. 404-406; vedi anche D’Andria 1992, pp. 113-114.

Certa è la presenza Micenea nel Salento, fra il XVI e XIV sec. a.C., a Rocavecchia (la Syrbar dei Messapi).

Ed ecco una riproduzione in 3d della maschera d’oro detta di Agamennone dalle tombe reali di Micene 1600 a.C. di Atene, a cura di Giovanni Greco per i servizi di fruizione culturale di www.BelSalento.com

Maschera d’oro detta di Agamennone dalle tombe reali di Micene 1600-1500 a.C. circa, riproduzione in 3d a cura di Giovanni Greco per i servizi di fruizione culturale di BelSalento

Sui miceni è anche molto interessante quest’altra mia ricerca sullo “zafferano” in epoca micenea

MICENEI – La storia dello ZAFFERANO nel Salento – BelSalento

Become a Patron!

Diventa mecenate Patreon di BelSalento.com nella piattaforma del mio crowdfunding e scopri i vantaggi che ho riservato solo per te. Con la tua donazione potrò sviluppare al meglio le mie attività di creator e in cambio avrai tanti benefit e premi super esclusivi disponibili solo per chi entrerà nella mia comunity Patreon 😉 Non esitate a scrivermi con nuove idee o suggerimenti :)) Qui il mio invito per voi lettori.

Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

Patreonhttps://www.patreon.com/BelSalento
Paypalhttps://www.paypal.me/giogrecobelsalento
SitoWebWww.BelSalento.com
FacebookBelSalento.com
YoutubeGiovanni Greco 
Ebay: grec_10 https://www.ebay.it/usr/grec_10

a cura di Giovanni Greco per i Servizi di Fruizione Culturale di BelSalento – SOSTIENI e mantieni in vita questo canale rivolto a fornire servizi di fruizione culturale sulla terra dei due mari.
DONA tramite PAY PAL o carta di credito.

Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
3d BelSalento, Storia

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente PORTO BADISCO - La Grotta dei Cervi Successivo L'anfiteatro romano di Lecce e la via Appia-Traiana

Lascia un commento