IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 in 3d e greenscreen Giovanni Greco BelSalento

Spread the love

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

medioevo

IL SEDILE e LA COLONNA Salice 2020 in 3d e greenscreen a cura di Giovanni Greco per i servizi di fruizione culturale di BelSalento.com

Questo cortometraggio è presente in Cinemabreve.org cortometraggi e produzioni indipendenti.

Da questa colonna protogotica ho “ricostruito” il passato storico dimenticato che si celava in Salice Salentino, (Le). Nell’insieme questo lavoro è stato un cortometraggio molto interessante e anche difficoltoso. E anche questa volta ho fatto tutto da solo! E’ una colonna protogotica con trifora che, a cavallo fra il 1100 e il 1300, faceva parte dell’antica sede del “Sedile“, ossia l’università di quel tempo, che nel basso medioevo era paragonabile al Municipio e al centro del governo. Di essa si erano perse le tracce e la memoria e difatti non è stato affatto semplice “tentare” questa ricostruzione. Son partito dalle foto, poi da una difficilissima ricerca sulle sue origini (che potete leggere qui); poi dopo 1 anno di lavoro al computer son riuscito a sviluppare un primo plastico in 3d della singola colonna; e da quella poi ha cominciato a prendere forma una bozza dell’intera sede del Sedile. Dopo la stampa in 3d, che è durata circa settanta ore (ho usato una delle mie numerose stampanti : la Creality Cr10s), ho eseguito una colorazione in post produzione. E quindi son passato alla sala del Greenscreen (qui il link) dove ho girato alcune scene di prova per concretizzare un primo video ambientato nel Salento medioevale. Dopodichè ho finalmente indossato abiti di scena per potermi inserire nel Sedile. Poi ho cercato di aggiustare l’audio anche se in alcuni punti non è eccellente, e quindi il montaggio con musiche e sottotitoli…

Non solo pietre, ma sono i nostri avi che hanno “vissuto” e “abitato” questi ambienti, luoghi che videro la presenza di famiglie nobili e aristocratiche, imparentate con  i signori del’età normanna. All’anno 1102 risale un diploma di Ruggiero Duca di Puglia, Guglielmo il Buono, Federico II, Costanza d’Altavilla, per poi attraversare il XIII secolo, in epoca angioina, durante i regni di Carlo I e Carlo II e i feudatario di Salice sotto gli Svevi, Hugo di Brienne, poi sotto Maria d’Enghien (fine XIV-inizi XV secolo) Luigi dell’Acaya, francese residente in Puglia, è creato barone di Salice, fino al 1567, quando fu ceduto a Giovanni Antonio Albricci; e probabilmente l’edificio castrense sembra risalire agli anni di Raimondello del Balzo Orsini. Agli anni di questo principe, viene fatta risalire un’altra costruzione, detta comunemente la Casa del Re.

E il video che vedrete è il risultato. Dura appena 10 minuti, ma davvero c’è stato un vero, duro, arduo lavoraccio.
Buona visione 😉

984238_4871786250668_3685021403639199360_n

Oltrepassato il vano centrale si accede ad un corridoio con orientamento est-ovest; all’estremità occidentale di questo, addossato all’angolo settentrionale si trova un pilastro polistilo sormontato da capitello e parte di un’arcata, molto probabilmente a sesto acuto.

1236180_4871786690679_7085893265349497289_n

Si tratta di un pilastro polistilo, su alto basamento. Esso è realizzato in conci squadrati, regolari, di origine calcarea. Quanto allo stile, sulla base della situazione visibile, è plausibile che esso sorreggesse un’arcata a sesto acuto, piuttosto che una a tutto sesto. In merito a tale stile architettonico si tratterebbe probabilmente di una fase di passaggio dal romanico a gotico in Terra d’Otranto.

Un simile pilastro trova confronto in quelli della basilica orsiniana di Santa Caterina a Galatina.

La datazione di tale struttura sarebbe da porre pertanto tra XIV e XV secolo. All’esterno di tale corridoio, sul lato nord dell’edificio attuale, si trova, apparentemente, riutilizzato un elemento architettonico corrispondente ad una cornice, dissimile dalla restante muratura seicentesca dell’abitazione. In realtà all’estremità ovest del corridoio, sebbene non in comunicazione con questo, si trova un piccolo ambiente, sulla cui parete orientale si notano dei blocchi di maggiore spessore e diversa fattura rispetto agli altri conci di arenaria di cui è costruita la casa. Tale muro, presentante orientamento nord-sud, presenta una nicchia cieca al di sopra di una cornice.
E’ presumibile che questo muro sia antecedente la costruzione della casa seicentesca, ma non è assodata la sua appartenenza all’edificio tardoromanico-gotico a cui è riferibile il pilastro. L’altezza della sala in cui la nicchia con cornice si trova induce a ritenere che essa sia stata tagliata, dal soffitto della costruzione seicentesca. Sia il pilastro, sia la cornice con nicchia cieca sono realizzati nello stesso materiale lapideo. Questo induce a pensare che i costruttori che operarono in quest’area tra fine Medioevo e XVII secolo abbiano fatto ricorso a risorse disponibili in loco o nel territorio circostante Salice. Non è chiaro in quale area siano stati cavati i blocchi; solo una ricognizione nei territori di Salice e San Pancrazio potrebbe fornire indicazioni in tal senso.

544921_4871784610627_8648578203412065696_nQuanto alle dimensioni dei blocchi, nel pilastro (dove le giunture son ben visibili) essi presentano un’altezza di circa 24 cm. I conci della base presentano in realtà un’altezza pari (a 25 cm).
In totale l’altezza complessiva del pilastro con arcata è di 5,50 metri.

Conclusioni
L’abitazione sembra risalire ad un orizzonte di XVII secolo. L’abitazione sarebbe sorta inglobando i resti di una struttura tardo medievale, la cui funzione è probabilmente religiosa, per cui si ipotizza la funzione di chiesa intra moenia. Tale chiesa fu probabilmente realizzata nel quadro del rilancio del piccolo centro voluto dagli Orsini a fine XIV secolo, sebbene la struttura possa essere leggermente più tarda e datata entro la metà del XV secolo.

Bibliografia di riferimento

  • Arditi 1885- Lecce, La Geografia storica e storica, Lecce1885.

  • Chiovelli 2007- R. Chiovelli, tecniche costruttive murarie medievali: la Tuscia, Roma 2007.

  • De Nisi 1968- G. De Nisi, Salice Terrae Hydrunti, Ostia 1968. 1968 Manfredi 2005- A.

  • Manfredi, Tecniche costruttive medievali nel territorio di Pomarance (PI), Murature, sezioni e forma dei conci nelle architetture dell’ XI-XIV secolo, in BibarUnisi, 2005, pp. 559-66.(http://www.bibar.unisi.it/sites/www.bibar.unisi.it/files/testi/testisami/sami3/3_05_man.pdf)

  • Quarta 989-G.L. Quarta, Salice Salentino, dalle origini al trionfo della Giovane Italia, Salice 1989.

  • Stasi –Colletta 2010- P. Stasi-A. Colletta, Adeguamento degli scarichi e delle immissioni nel sottosuolo delle acque meteoriche. Relazione geologica e idrologica, 2010.

  • Varagnoli 2009- F.Varagnoli 2009 (ed.), Prospettive per l’analisi e la conservazione dell’edilizia storica, Firenze 2009.


Il grande edificio gotico del 1100 – 1300 in Salice Salentino – contemporaneo della basilica di Santa Caterina a Galatina

Luigi Paladini XV-XVI sec (Aloisio, Aloysius, Luise de Paladinis), Barone di Salice e Guagnano, alla corte degli Aragona, conobbe San Francesco di Paola, menzionato dal Galateo, accompagnò Isabella del Balzo, moglie di Federico d’Aragona, nel viaggio da Lecce a Napoli

Ecco il mio SET CINEMATOGRAFICO per BelSalento

Per questi lavori ho usato una CREALITY CR10, una CREALITY CR10S, una  Anycubic Stampante 3D Photon e con loro BelSalento è veramente 3d ! 🙂
Eccole qui

Diventa mecenate Patreon di BelSalento.com nella piattaforma del mio crowdfunding e scopri i vantaggi che ho riservato solo per te. Con la tua donazione potrò sviluppare al meglio le mie attività di creator e in cambio avrai tanti benefit e premi super esclusivi disponibili solo per chi entrerà nella mia comunity Patreon 😉 Non esitate a scrivermi con nuove idee o suggerimenti :)) Qui il mio invito per voi lettori.

Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

Patreonhttps://www.patreon.com/BelSalento
Paypalhttps://www.paypal.me/giogrecobelsalento
SitoWebWww.BelSalento.com
FacebookBelSalento.com
YoutubeGiovanni Greco 
Ebay: grec_10 https://www.ebay.it/usr/grec_10

a cura di Giovanni Greco per i Servizi di Fruizione Culturale di BelSalento – SOSTIENI e mantieni in vita questo canale rivolto a fornire servizi di fruizione culturale sulla terra dei due mari.
DONA tramite PAY PAL o carta di credito.

Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
3d BelSalento, Archeologia Industriale, Canale YouTube, galleria "la Colonna", Greenscreen Video, Il Mondo dei Contadini, Monumenti Castelli Maserie, Natura e Ambiente, Pellegrinaggi e antiche vie, Storia

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente L'effige della Madonna di Loreto a Leuca a cura di Marisa Grande Successivo Podcast - l'antico nome di Terra di Otranto e di Bari era Calabria, termine che sembra alle origini della parola ITALIA

Lascia un commento