2 Tornesi 1852, regno di Napoli Ferdinando II di Borbone

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

2 Tornesi 1852, regno di Napoli Ferdinando II di Borbone

MONETE DEL REGNO DI NAPOLI

Regno di Napoli, Ferdinando II di Borbone (1810 – 1859) 2 Tornesi 1852 — (collezione privata del dott Giovanni Greco)

Zecca: Napoli – Diritto: effigie del Re (testa nuda) di Ferdinando II rivolta a destra – Rovescio: valore e data sormontati da corona.
Nel giro, FERDINANDVS II • D • G • REGNI VTR • SIC • ET HIER • REX
In basso, sotto il collo può esserci una stella a cinque punte (grande o piccola), una stellina di forma diversa o una rosetta. Le caratteristiche dell’effigie, della legenda e del contorno furono definite dal Decreto n°268 del 27 Aprile 1831. La moneta da tornesi due equivaleva al Grano napoletano.

Regno di Napoli, Ferdinando II di Borbone (1810 – 1859) 2 Tornesi 1852 — (collezione privata del dott Giovanni Greco)

Ferdinando II di Borbone (1810 – 1859) – 2 Tornesi 1852

Il primo telegrafo elettrico fu realizzato durante gli stati preunitari e risale al 1852. In quell’anno fu coniato questo 2 Tornesi in Rame rosso, che è probabilmente il taglio più comune della monetazione di Ferdinando II. Per la mia collezione numismatica ho queste monete da due Tornesi, in foto ho messo le due varianti dello stesso conio, che si distinguono per la stelletta in basso, sotto il collo. Come vedete al dritto il tondello è decentrato, come fosse un errore di conio. In realtà nella monetazione Napoletana il decentramento è molto frequente (come anche in tutte le monetazioni ottocentesche), considerando l’elevata “imperfezione” della fase di coniazione.

La monetazione di Ferdinando II è molto vasta. Infatti il sovrano, che regnò per 29 anni, fece coniare monete di oro, di argento e di rame in quasi tutti gli anni di regno. Il più noto tornese coniato in Italia è il “tornese napoletano”. Fu una moneta di rame emessa dagli Aragona a Napoli alla metà del XV secolo e battuta fino al 1861. Le prime monete emesse recavano l’immagine del re seduto di fronte sul trono e la croce di Gerusalemme al rovescio. Furono emessi anche in altre zecche del regno: Barletta, Gaeta, Capua, Cosenza, Isernia, Lecce ecc.

Valeva 1/20 di carlino o 6 cavalli.

Il sistema completo era così articolato:

1 ducato = 5 tarì
1 tarì = 2 carlini
1 carlino = 10 grana
1 grano = 2 tornesi
1 tornese = 6 cavalli.

Il tornese di Carlo di Borbone (1734-1759) recava al rovescio le scritta “HILARITAS” su tre righe. La moneta da tre tornesi era chiamata anche “Publica” per la scritta “PVBLICA LÆTITIA” che recava al rovescio.

La monetazione di Ferdinando IV è stata vastissima e comprende tre periodi. Sotto il suo regno la coniazione aurea durò fino al 1785 e fu enorme, oltre 3 milioni di pezzi. Notevole anche la coniazione in argento e rame. La moneta da tre tornesi di Ferdinando IV aveva invece la scritta “PVBLICA COMMODITAS”. Sulla moneta da un tornese era scritta l’indicazione del valore “TORNESE CAVALLI VI” su quattro righe. Furono coniate anche monete da 10, 8, e 5 tornesi, tutte di rame.

Durante la Repubblica Napolitana del 1799 furono coniate due monete da 6 e 4 tornesi. Entrambe recavano al diritto il fascio consolare sormontato dal berretto frigio.

La seconda monetazione di Ferdinando IV (1799-1805) presenta monete da 6 e 4 tornesi. Sulla moneta da un tornese c’era l’indicazione del valore in cavalli.

Banconota 10 ducati Regno delle due Sicilie / con lo stemma della provincia di Lecce. 🙂 Nel Regno i Borbone non hanno mai emesso banconote di carta ma solo monete in metallo (come lo furono i ducati d’oro) e fedi di credito. Questa banconota che ho in mano qui in foto quindi, è una rielaborazione contemporanea ed un’opera d’ingegno sia graficamente che nella stampa, pertanto non ha valore, ma è, diciamo, una simpatica rievocazione, e anche un gradevole “falso d’autore” per collezionisti. E anch’essa infatti, fa oggi parte della mia collezione di “cimeli” della storia del sud. Giovanni Greco


Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”. BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco

         

Borbone e Risorgimento, Numismatica

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Programma per la gran gala nella provincia di Terra d'Otranto del 12 gennaio 1854 per sua maestà il re Ferdinando II di Borbone Successivo LA GRANDE MADRE - le Veneri - parte seconda