Vince il NO, ma sono “POPULISTI”. Parola di ultramilionari

di Giovanni Grecopopulisti-presenti

L’intera campagna propoagandistica renziana è stata guidata da Giorgio Gori, ex direttore aristico di mediaset, in base all’idea che il leader deve comportarsi con i suoi elettori come se questi fossero dei ragazzini di quindici anni. Infatti il 70% degli italiani sono pressochè ignoranti. Una strategia comunicativa però, che non ha saputo esprimere, spiegare o soddisfare le richieste del popolo. Popolo che ha risposto con un forte NO al dettato calato da un mondo di plastica. Evidentemente le pecore che seguono il gregge sono ciò che vorrebbe Mr napolitano e la sua casta di zerbini. Invece ha vinto la consapevolezza positiva contro la propaganda di regime dei poteri forti che trattano il popolo come dei bambini. Quei poteri forti che disprezzano chi ragiona, tratta la gente come bancomat, e quando il bancomat decide di non pagare più nessun pegno … allora i vari dittatori altezzosi al governo definiscono “populisti” coloro che si oppongono alle tesi del “ce lo chiede l’Europa”. Prodi diceva “con l’euro si guadagnerà di più e si lavorerà un giorno in meno”. Si è visto infatti che è così, no? Bene lui ha votato “si” a questo referendum. Mentre la vittoria dei cosidetti “populisti” marca il segno di una consapevolezza del popolo sulle necessità del popolo e sulle propagande dei finti saputelli ultramilionari e incartapecoriti che orchestrano manovre di palazzo con il disprezzo classico che li contraddistingue. Della serie: “il popolo ha detto NO? Allora voi popolo siete populisti, non capite niente perchè voi siete voi e noi siamo noi”.

Resta il fatto che il Presidente del Consiglio non eletto, da solo s’è preso il 60% dei NO del popolo italiano. A questo si aggiunge poi il nervosismo contro la vittoria del NO, che esplode con stizzita rabbia razzista di alcuni esponenti come Mr chicco testa, da sempre sostenitore di industriali petroliferi e airgun come anche di tutto ciò che i “populisti” vorrebbero non accadesse.

Due italie: ultramilionari stizziti e rabbiosi al governo da un lato, e il popolo senza soldi, incazzato e definito populista, dall’altro.
Nel mezzo, le mezze cartuccie come chicco testa che da solo esprime l’altezzosità di questi incartapecoriti al governo.
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-dal_renzismo_al_razzismo_chicco_testa_e_il_tweet_postreferendum_contro_napoli_bari_e_cagliari/82_18126/

Dal Renzismo al Razzismo: Chicco Testa e il tweet post-referendum contro Napoli, Bari e Cagliari700x350c50


BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

         

Precedente Le origini di Babbo Natale Successivo A un amore - Poesie di Giuseppe Testa