David Winspeare – 1811, Storia degli abusi feudali : notizie sul feudalesimo in Terra d’Otranto

ricerche a cura di Giovanni Grecojhgfghjklkj

David Winspeare – Nel 1811 scrisse la “Storia degli abusi feudali” : notizie sul feudalesimo in Terra d’Otranto

Davide Winspeare

David Winspeare, o Davide Winspeare (Portici, 22 maggio 1775 – Napoli, 13 settembre 1847), è stato un avvocato, giurista e filosofo italiano.

Figlio di un funzionario borbonico che fu anche prefetto in Calabria, dopo la laurea in giurisprudenza e le prime esperienze nel foro di Napoli, Winspeare ottenne il suo primo incarico di rilievo come avvocato fiscale presso l’Amministrazione delle Poste delle Due Sicilie, ove si mise in evidenza per il rigore nel tentativo di ridurre le malversazioni e di moltiplicare le spedizioni dei corrieri, per evitare ritardi e problemi connessi. Nel dicembre 1808 fu nominato da Gioacchino Murat procuratore generale della Commissione Feudale, una magistratura speciale istituita per risolvere le controversie tra i municipi e gli ex-feudatari. Nonostante questa istituzione finì di operare nel settembre 1810, Winspeare rimase in carica per l’esecuzione delle sentenze

L’opera più famosa di D. Winspeare è la “Storia degli abusi feudali, Tip. Trani, Napoli 1811″. In quel testo, datato 16 febbraio 1811, il giurista napoletano dava ampie notizie sul feudalesimo della Terra d’Otranto e affermava che il signore feudale godeva di particolari diritti – oltre a quelli di cui godeva in tutto il regno, cioè i diritti sulle persone e sulle proprietà private.

Già sin dal 1700 il governo dei Borbone aveva posto attenzione al problema del Feudalesimo. In quel secolo studiosi come il Giuseppe Palmieri e altri, con la concezione Illuministica dello Stato, avevano tentato di opporsi al regime del baronaggio feudale, che perdurava ancora nel XVIII sec. Questo regime (feudale) fu inteso come “regime mostruoso e il più opposto all’armonia sociale”
Cfr : V. Valsecchi L’Italia nel Settecento (1714.1788), vol VII, 1° ed. Milano 1959, pag 760-761.
Difatti il baronaggio del 1700, conservava delle prerogative che “usurpavano il potere allo Stato, che facevano del feudo un piccolo stato nello stato. Rimane il diritto di esercitare la giustizia e di esigere tributi, che sottopone i sudditi all’arbitrio del feudatario. Tutti residui di una concezione politica e sociale ormai superata, che andavano eliminati”.

Nel volume più noto di David Winspeare, la Storia degli abusi feudali del 1811, il giurista napoletano, pubblicando un’ampia documentazione, ricordava fra l’altro come la predetta commissione era riuscita a definire, in poco meno di tre anni, 1395 vertenze in ordine ai diritti feudali. Qui è anche efficacemente delineata la storia e la struttura del sistema feudale, il quale, a detta dell’autore, aveva promosso all’interno della società e in tutte le parti dell’ordinamento statuale un’accesa e deleteria rivalità. E, soprattutto nel contesto del Regno di Napoli, esso si era sviluppato in modo artificioso, non spontaneo, passando di dinastia in dinastia, per provare «l’esperimento dei mali di tutte le nazioni», generando guerre intestine, rozzezza nei costumi e nella cultura, nonché contrasto alla giustizia. Il sistema feudale per Winspeare era «semplicemente come un “mostro”, uscito dalle foreste dei barbari ed allevato dalla ignoranza e dagli errori di tredici secoli», che era stato sconfitto solo con l’avvento dell’Illuminismo.

David Winspeare, Storia degli abusi feudali, Tip. Trani, Napoli 1811
Cfr : https://books.google.it/

In questo testo, Winspeare fa un dettagliato elenco delle prestazioni feudali in uso nella terra d’Otranto :

Qui l’introduzione che dava Winspeare al suo testo :


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
info cel : 373 7244103
mail : [email protected]
fb : facebook.com/groups/belsalentoweb
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

Iscriviti al nostro gruppo facebook

         

Precedente Vincenzo Corrado da Oria la prima star dei fornelli delle mense aristocratiche napoletane di metà 1700 Successivo Lo Zafferano nel Salento in una mappa del 1567 - Hic tractus abundat crocu - lo zafferano che si ottiene dal pistillo del fiore di crocus sativus