ANCHE NEGLI ACCORDI COMMERCIALI CON CANADA E CINA, “PRIMA IL NORD”, A DANNO DEL SUD – di Michele Eugenio Di Carlo

a cura di Michele Eugenio Di Carlo

ANCHE NEGLI ACCORDI COMMERCIALI CON CANADA E CINA, “PRIMA IL NORD”, A DANNO DEL SUD


Gli accordi internazionali siglati dall’Unione Europea e accettati dall’Italia continuano a pesare come macigni sull’economia e sull’agricoltura del Sud.
Nell’accordo di libero scambio e protezione di prodotti dell’UE con la Cina, ben 26 prodotti DOP (denominazione di origine protetta) e IGP (indicazione geografica protetta) su 100 sono italiani: un ottimo risultato; peccato che solo la mozzarella di bufala campana sia stata inserita per le regioni meridionali.
Uno scandalo!
Non era bastato il CETA, l’accordo di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada, approvato dal parlamento nazionale?
Un accordo che ancora una volta aveva messo a dura prova i nostri prodotti tipici di qualità a filiera corta e a 0 km, favorendo, come al solito, la grande industria e la grande distribuzione. Un accordo contro il Sud! Basato sull’esportazione per il 90% di prodotti agricoli del Centro Nord. Infatti, erano protetti solo 41 dei 291 prodotti alimentari italiani DOP e IGP, dei quali solo 5 solo del Sud.
Un altro scandalo e una vergogna nazionale.
Il giornalista Marco Esposito, scriveva scandalizzato su Il Mattino del 29 luglio dello scorso anno, quando ancora l’accordo doveva passare per il parlamento italiano:
«Il caso più clamoroso è quello dell’olio extravergine d’oliva. Negli accordi con il Canada (chiamati in sigla Ceta), lo stato nordamericano si è impegnato a riconoscere quattro denominazioni per la Grecia, quattordici per la Spagna che è il primo produttore mondiale, una per la Francia, sei per il Portogallo e appena tre per il nostro Paese, nonostante dopo gli iberici l’Italia sia il secondo produttore del pianeta. E i tre dop riconosciuti – guarda caso – sono gli unici tre oli dop del Veneto: Valpolicella, Euganei-Berici e delle colline del Grappa. Guarda caso nel 2009, al momento d’avvio delle trattative Ue-Canada per il Ceta, il ministro delle politiche agricole italiano era il veneto Luca Zaia che nel 2010 ha passato la mano al conterraneo Giancarlo Galan. E così il Veneto, quindicesima regione italiana per produzione (un ventottesimo rispetto alla Campania, un 143° della Puglia) potrà esportare in Canada olio d’oliva in condizioni di favore rispetto al resto d’Italia, che soffrirà delle possibili imitazioni».
Le speranze del giornalista Marco Esposito sarebbero andate deluse, nonostante l’ex senatrice foggiana Colomba Mongiello, in un’interpellanza urgente aveva provato, inutilmente, a consigliare il ministro Maurizio Martina:
«L’accordo commerciale con il Canada mortifica le produzioni agroalimentari di qualità italiane e del Sud e rischia di vanificare la lotta all’ italian sounding e alla contraffazione». Un’anomalia incresciosa che, secondo la senatrice, andava sanata anche perché le trattative UE e Canada erano tese a proteggere da imitazioni e contraffazioni i prodotti made in Italy di qualità, non a discriminare prodotti e aree produttive. E ricordando anche la beffa contenuta nell’accordo UE-Cina, la senatrice concludeva invitando Governo e Parlamento ad intervenire «a tutela del nostro patrimonio economico e culturale dai contraffattori e imitatori canadesi e cinesi. E per favorire scambi commerciali fondati sulla qualità e la salubrità delle merci, scongiurando le dannose distorsioni che già oggi subiamo dalle importazioni di grano canadese e pomodoro cinese».
Il ministro alle politiche agricole Maurizio Martina, attuale reggente del PD, non ha proprio nulla da rimproverarsi? Non poteva o non voleva intervenire in questioni su cui aveva inciso Zaia?
Peccato! L’agricoltura del Sud è in ginocchio
Se Martina non ha un peso sulla coscienza, a noi senz’altro rimane un peso sullo stomaco, difficile da digerire.

Michele Eugenio Di Carlo


Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”. BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco

         

Editoria, Giornalino BelSalento, Politica, Varie

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Una moneta bizantina del XII sec di Ruggero II raffigurante San Demetrio del VI sec Successivo UNITÀ D’ITALIA UN DISASTRO ANNUNCIATO di Antonio Pulcrano su un articolo di giugno 2018 su BBC History; otto pagine dedicate all'Unità d'Italia - a cura di Dario Marino