Stanislao Sidoti in BelSalento

di Giovanni Greco

artistiStanislao SidotiStanislao Sidoti

artista leccese (1837 – 1922), fu uomo di grande cultura e profondo amore per la propria terra, studiò sotto il Mancinelli nell’Istituto di Belle arti a Napoli, ma non terminò il corso. Rientrato a Lecce, dedicò la sua vita all’insegnamento elementare, alternando tale attività con la pittura all’aperto. Insegnò in una scuola elementare di Lecce. Ebbe premi nazionali e oggi molte sue opere sono presso privati. I suoi temi preferiti erano paesaggi campestri e marine, spesso abitati da figure umane, espressione d’un romanticismo soleggiato e mediterraneo. Il Sidoti collaborò con il “Gazzettino Letterario” (1878 – 1880), una rivista quindicinale diretta dal preside del Liceo “Palmieri” di Lecce Luigi Tinelli.

Dal 1862 al 1866 frequentò l’Accademia di Belle Arti di Napoli sotto la guida G. Mancinelli, riportando premi alla Scuola di Paesaggio: in quell’indirizzo diede anche il proprio contributo teorico con un saggio del 1864. Rientrato a Lecce, fu assorbito dall’insegnamento e dall’attività pittorica; fra le poche presenze alle mostre si ricorda quella all’Esposizione Nazionale di Torino del 1896 con opere a pastello (Studio, Marzo, Campagna pugliese), tecnica usata dall’artista an-che in seguito sugli esempi di G. Casciaro. Alcuni suoi paesaggi comparvero, postumi, alle mo-stre salentine del Novecento, ri-velando il suo legame con le scuole napoletane, in particolare con quella di Portici e con M. De Gregorio (Castello di Lecce, Lecce, coll. del Comune). Negli appunti di viaggio di Gustav Meyer (1850-1900) il Meyer visitò la libreria che Sidoti aveva in Lecce, e sempre il Meyer lo ricorda come “… un uomo colto e gentile ,,,” Quegli appunti di viaggio saranno pubblicati nel 1890 dallo “Schlesische Zei­tung” di Breslavia e poi tradotti in italiano da Cosimo de Giorgi e pubblicati nel 1915 nel perio­dico leccese “Il popolo meridionale”. SidotiNumerosi disegni (del periodo tra il 1882 e il 1887) furono realizzati per l’opera di Cosimo De Giorgi, il quale li inserì nelle tavole della sua opera letteraria “La Provincia di Lecce. Bozzetti di Viaggio. (Lecce 1882 – 1888)”. Molte delle sue opere sui paesaggi comparvero, postumi,

Sidoti, Casa Rurale

Per la sua figura di dotto, il celebre “puparo” Pippi Rossi realizzò una caricatura  in cartapesta dal titolo “il professor Sidoti”.


AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

 

         

Precedente I draghi di Kaulon (Calabria) e la Specchia di Caulone a Casalabate Successivo DOLMEN CHIANCA DELLA POLICARITA