Notte della Taranta “snaturata”

La prossima edizione della Notte della Taranta del 27 agosto 2016 in Melpignano, sarà la dicinnovesima edizione del fenomeno “concertone della Taranta” e, come molti sostengono, quest’ultima sarà l’ennesimo oblio Made in Salento. Infatti anche quest’anno gli organizzatori affidano la coreografia ad un nuovo maestro del business mediatico e televisivo. Quando invece la sola presentazione delle passeggiate dei big dello ShowTv sul palcoscenico della Notte della Taranta, non ha assolutamente mai avuto nulla a che fare con l’originaria evocazione della Taranta e del tarantismo.logo4

Notte della Taranta “snaturata”

Ecco quindi spiegato in mezzo rigo in quali mani finiscono tradizioni e folklore. Ecco in quale idea “farlocca” di business è finita la storia millenaria di questa nostra terra. Ossia nelle mani di una casta locale bigotta, nelle mani di politici locali chiusi e ottusi e nelle mani di pseudo imprenditori che dalle origini del tarantismo ad oggi hanno lentamente annullato il senso delle cose, il senso delle arcaiche motivazioni sociali di questo storico fenomeno “tarantismo”; che purtroppo invece è finito come dicevo nelle mani di una casta locale pretenziosa e arrogante, la quale oggi pretende solo la semplice mercificazione della cultura – della loro stessa terra. taranta 1Anzi questa mercificazione culturale è l’esatto presupposto per una arretratezza sia nei simboli e sia nella tradizione locale salentina. Altro che progresso. Qui si capitalizza (strapagando spropositatamente pure) affinchè si perda definitivamente la memoria della tradizione. E’ da anni che la notte della Taranta è stata stravolta, vuoi con presenze estranee al folklore locale, e sia anche per l’uso di suoni elettronici applicati al posto di tamburelli e violini. E in tutto ciò : dove è la nostra antica cultura musicale popolare della pizzica? Evidentemente per qualcuno la “cultura” nasce e finisce con le centomila presenze della Notte della Taranta. Ma davvero? E questi sarebbero quindi i grandi affari? Il cammino della cultura nel Salento … sarebbe lo showbusiness di una manciata di giorni l’anno? Tutto qui!? Con centinaia di turisti che arrivano già in queste ore e che non sanno come muoversi per treni inadeguati all’accoglienza? Cfr : http://www.tagpress.it/cronaca/treni-fse-poco-capienti-e-turisti-rimasti-a-terra-20160723. Per non parlare poi dei costi che i turisti dovranno sorbirsi fra spostamenti e pernottamenti. Ma in che mani è finito questo Salento? A voi piace? A me no. Con questa casta locale di pseudo grandi menti, assolutamente no. Non mi piace. Sia la casta politica locale sia gli imprenditori nostrani sono parecchio ultrasnob e stanno solo smaterializzando la storia della terra salentina. E’ probabile che i peggiori colonzzatori siano tutti racchiusi qui, in questo “FESTIVAL ITINERANTE 8 | 24 AGOSTO” di piccolo grande evento “tradito” e destinato alla vendita di alcholici per bevitori assidui da frenesia da discopub.
Come se questa fosse una bella pensata!
Per il divertimento (?) sul  festival Itinerante http://www.lanottedellataranta.it/it/il-festival/tappe-2016


AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

         

Precedente Raffaele Fitou d'Aragon - il Generale Cutrofiano in BelSalento Successivo Quinto Ennio in BelSalento