“Nemo Profeta in Patria”

a cura del dott Giovanni Greco

“Nemo Profeta in Patria”, ossia “Nessuno è Profeta in Patria” dicevano i latini.

Che ad aspettare di ottenere riconoscimenti nel posto dove sei nato e cresciuto passa così tanto tempo che a confronto è molto più rapida l’evoluzione che faranno i pesci per salire sugli alberi. Ormai è assodato che bisogna necessariamente andare all’estero per meritare il dovuto successo, in quanto in madre patria, in virtù dell’assenza della meritocrazia, se vali, se sai fare qualcosa, se hai una cultura, inevitabilmente sarai disprezzato da qualche “Rosicone” che al tuo cospetto, ostenterà una “sua” illogica diffidenza, oltre che una “difficoltà” concreta ad accettare che esista chi è più bravo di lui. “Nessuno è profeta in patria” dicevano i latini. Accade a quanti di noi sono espatriati per motivi legati sia alla mancanza di lavoro, ma anche perchè qui in Italia ci si sente fuori posto. Ma, quelli fuori posto siamo noi che siamo andati all’estero? O sono questi Rosiconi ad essere fuori dal mondo? E fuori di testa, anche? In definitiva come tutti sappiamo, se ti trovi su suolo estero, li sei pienamente apprezzato, li hai successo, li sei integrato alla perfezione, li mantieni ottimi rapporti personali e di lavoro con tutti, li sei conosciuto, stimato e hai acquisito un comportamento degno dell’approvazione di quell’intera comunità (ad es degli altri italiani che sono da decenni su suolo estero), … paradossalmente qui in madre patria non accade tutto ciò. Qui in Italia accade che troverai l’invidioso di turno, il quale – con il cuore in allarme – è perennemente scosso dalla limpida semplicità e capacità di chi invece è abtuato al rapido “problem solving”. Lui invece, l’invidoso (l’ameba in casa nostra) è il vero perfetto imbecille (…) che ti giudicherà (come se l’imbecille fossi tu!) e, per di più, il suo giudizio lo esprimerà con una “sua” sconclusa presunzione di importanza.

Qualcuno disse : “se i cretini volassero, sono talmente tanti che oscurerebbero il sole”. E l’Italia è piena di gente così. Per fortuna non hanno le ali! Ma comunque tutti questi cretini vorrebbero tagliarle le ali, a chi invece sa volare. Anche se tutto ciò sembra un paradosso, qui voglio provare a fare una brevissima analisi di questi atteggiamenti di sufficienza e superficialità da parte di questa massa di immeritevoli autoritari presuntuosi e ignoranti che ci circondano. Che siano solo persone distratte dal proprio Ego? Che sia invidia? Io ritengo che non è solo invidia.

Naturalmente, in una nazione dove regna falsità e corruzione come l’Italia, di fronte alla bravura di chi è apprezzato lontano da casa, si indispettiscono sempre solo coloro che non vogliono sentirsi “piccoli”, o stupidi. Questi “piccoli” e stupidi rappresentano quella ciurma di persone che si lascia condizionare dalla propria inconsistenza e dalla loro personale e ottusa sconclusiotaggine. Ossia non sanno concludere che se uno è bravo, non è stato certo per merito di loro (amebe). Semmai una persona che vale, spicca al loro confronto.

E questo è ciò che accade all’estero, dove regna la meritocrazia appunto. Ma qui in Italia prevale il clientelismo. Pertanto se hai una cultura, c’è chi tenterà di bloccarti la strada. Per di più così facendo, questo popolino di mediocri, inconsapevolmente esalta e manifesta solo la propria miseria esistenziale. E’ la mediocrità di chi ostenta, di chi pretende di essere il migliore (senza averne le capacità); e di chi tenta invano di oscurare la luce di coloro che invece brillano egregiamente; all’estero.

Cose italiane diciamo. Ma anche cose che si riscontrano spessissimo nel nostro Salento. Quanti sono fuggiti via dalla terra dei due mari perchè qui esiste chi, di fronte ad una semplice soluzione pone con autorevolezza almeno tre (inutili) problemi? E’ evidente che il mondo è paese (parlo dell’Italia) e che da nord a sud, proprio per la mancanza di meritocrazia, la frase “Nemo Profeta in Patria” svela appunto che siamo circondati da folti gruppi di mediocri, i quali non sono assolutamente disposti a riconoscere il loro fallimento esistenziale. E che per questo motivo preferirebbero tagliare le ali a chi sa volare. Cosa che questi mediocri fanno (o tentano di fare) nel momento esatto in cui, da perfetti ignoranti, manifestano dell’incredulità di fronte ai successi di chi se li è “faticosamente o no” meritati lontano dalla madre patria.

E quindi come mai tanta gente che ci vive intorno molto di frequente nutre questa invidia futile, questo orgoglio furibondo e questa superbia altezzosa, tale da far pretendere che vinca esclusivamente la mediocrità? Forse si tratta di arroganza più che di invidia o di ignoranza.
Infine se queste persone sono così tanto chiuse alla novità, se sono così tanto incapaci di riconoscere il meglio che li circonda … se sono così tanto “incartapecoriti” … quale sviluppo, quale armonia, quale felicità si potrà mai raggiungere sin tanto che ci lasceremo giudicare noi da loro? Sempre che il loro giudizio possa valere qualcosa!!! E comunque sia, il loro giudizio vale sempre quanto il due di picche … ma domandiamoci quanto è spigolosa, marcia e vecchia questa ciurma di rosiconi strafottenti?
Che poi … loro, che giudicano chi è più bravo di loro??? Solo in Italia!


E infine ecco una bella frase, che personalmente me la sento cucita addosso. C’è chi sposta un sasso e ne parla come se avesse spostato una montagna! E poi c’è chi sposta una montagna IN SILENZIO.12963565_10153384019227821_4441682525171730934_n
Solo a Londra ogni giorno per 5 anni trasportavo venti  regioni in pubblicità attraverso un giornale cartaceo e settimanale. Io ero il direttore della sezione web, ma facevo un po di tutto, da segretario, da fotografo, da giornalista, scrivevo articoli … e soprattutto mi occupavo del Made in Italy, contattavo h24 tutte e venti le regioni italiane per inoltrare mercato in pubblicità in Uk. In quello che è un giornale : un contenitore di nomi, fatti, contatti, soldi, idee, tradizioni, opportunità, Il tutto condito da tanta semplicità e spontanea umiltà. E senza mai darmi arie … Poi dopo 5 anni, rientro in Italia nel Salento, e mi trovo un coglione di colletto bianco che ritiene di essere il presidente dell’universo — Che combinazione : Quel colletto bianco è l’essere più strafottente e presuntuoso che io abbia mai incontrato in tutte e venti le regioni che ho contattato 24 ore al giorno per 5 anni, ed è un cretino abituato a dare calci ai sassi e a dire che ha spostato montagne, e che proviene proprio da dove hanno inventato la xylella!!! Mtzè … che giro …. fra assessori, sindaci, medici, e presuntuosi di finti tutori … si, della legge del baccalà!

di Giovanni Greco
17 aprile 2016

 Become a Patron!

Diventa mecenate Patreon di BelSalento.com nella piattaforma del mio crowdfunding e scopri i vantaggi che ho riservato solo per te. Con la tua donazione potrò sviluppare al meglio le mie attività di creator e in cambio avrai tanti benefit e premi super esclusivi disponibili solo per chi entrerà nella mia comunity Patreon 😉 Non esitate a scrivermi con nuove idee o suggerimenti :)) Qui il mio invito per voi lettori.

 

Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

Patreonhttps://www.patreon.com/BelSalento
Paypalhttps://www.paypal.me/giogrecobelsalento
SitoWebWww.BelSalento.com
FacebookBelSalento.com
YoutubeGiovanni Greco 
Ebay: grec_10 https://www.ebay.it/usr/grec_10

a cura di Giovanni Greco per i Servizi di Fruizione Culturale di BelSalento – SOSTIENI e mantieni in vita questo canale rivolto a fornire servizi di fruizione culturale sulla terra dei due mari.
DONA tramite PAY PAL o carta di credito.

a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
Varie

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Mimmo Giglio Notte Bianca a Veglie - Sabato 16 Aprile 2016 Presso Agro La Duchessa Successivo Ho visto piangere gli ulivi - Poesie di Emi Rizzo

Lascia un commento