Nel Salento : LA PIU’ GRANDE ROTATORIA d’EUROPA e del MONDO ha 4 nuove figlie

a cura del dott Giovanni Grecorotatoria lucugnano

15 aprile 2016
di Giovanni Greco

Non bastava una dico una sola immensa Rotatoria qui nel Salento LA PIU’ GRANDE d’EUROPA e del MONDO!!! Ora altre 4 nelle immediate vicinanze e a ridosso della menzionata rotatoria più grande d’Europa, ossia quella che si trova lungo la S.S. 275 fra Lucugnano e Miggiano e sull’intersezione Maglie-Leuca, lungo una piccola strada deserta nella zona artigianale di Tricase.
Già la prima era ed è e resta la più grande rotatoria del pianeta terra con una circonferenza di 427 metri e
un diametro di oltre 150 metri : più di una pista di atletica. L’opera è stata progettata e realizzata dall’Anas e dal consorzio Asi, carrozzoni anarcoidi.

Ora altre 4 li vicino, più piccole, ma una a ridosso dell’altra a pochi metri di distanza. 4 nuove figlie dell’inutilità.

QUALE E’ L’UTILITA’ DI QUESTE OPERE FARAONICHE?
E quanti ulivi secolari sono stati “piallati” per questo progetto dispendioso, faraonico – e inutile – ? E quanto sarà costata questo immenso trionfo del nulla ? 5 milioni di euro sono già in tasca ai geniali progettisti di questa rotatoria buia, pericolosa e inutile, dicevamo.

Antonio Coppola, ingegnere, sindaco di Tricase alle telecamere di Telerama già a suo tempo commentava la prima rotatoria: Andrebbe bene come pista di lancio di qualche missile, altre funzioni non ne vedo. Il progetto va al di sopra delle competenze della realizzazione, progettazione e gestione dei Comuni interessati. Dopo averla realizzata le prescrizioni dell’Anas vietano al Consorzio Asi di piantare alberi e mettere illuminazione in quanto ci sarebbe rischio per la sicurezza stradale. Sembra il circuito di Monza. Pura follia perpetrata ai danni da chi non ha la piu’ pallida idea di cosa sia e come sia  il nostro territorio. Una spesa inutile in quanto il tracciato della 275, semmai si dovesse realizzare escluderebbe questa arteria dal traffico principale“.   

E ora altre 4 sono nate dall’oggi al domani, all’improvviso alla data del 14 aprile 2016 eccole in bella vista. Pronte ad accogliere i clacson infuocati e frenetici (?) di un traffico incalzante ed … esasperato (???) … come se la “semideserta” zona industriale di Tricase avesse l’impellente necessità di avere cotanta imponenza di rotatorie per soddisfare flussi incessanti di veicoli per il trasporto di chissà quale fantascientifico commercio … come se li ci fosse la calca giornaliera di code di macchine in strada!
Invece a oggi ancora nessun clacson suona “frenetico” intorno a quell’asfalto chilometrico assolato e isolato!

Qui il servizio di Pinuccio per “Striscia la Notizia” di Canale 5  (qui il video)

4http://www.video.mediaset.it/video/striscialanotizia/servizio/rotonde-neonate_610235.html

1 2 3
Qui il video di Dario Melissano

Qui un video amatoriale

Quindi la SS 275, che equivale a dire: “politica sciacalla”. Si, politica sciacalla. E meschina pure, che a un centinaio di metri da questa megalomane rotatoria, ha anche in progetto la realizzazione di quattro corsie della larghezza di 70 metri.

Vorrei dilettarvi con questa mappa, per farvi capire che cosa accade in quella zona, tra discariche con rifiuti tossici (indicate solo quelle già rilevate dalla procura, ma ce ne sono altre 5 sotto quel tracciato), rondò, e bla bla bla… e Poi parlano di sicurezza. Qua devono solo spolpare l’osso, e tutto in una zona tra Tricase ed Alessano…” commenta Luigi Russo presidente del CSV Salento.


Sul Consorzio ASI : Da ForumAmbiente Salute

CONSORZIO ASI E LA SUA GIGANTESCA COLATA DI CEMENTO E ASFALTO!!!

GALATINA UNA NUOVA GIGANTESCA COLATA DI CEMENTO E’ PRONTA A CANCELLARE PAESAGGIO E NATURA MINACCIANDO SEMPRE PIU’ DA VICINO IL MILLENARIO ULIVETO NEL CUORE DEL SALENTO !!!

1400 ettari totali a rischio cementificazione e asfalto in tutto il Salento per far posto a pura folle devastazione, insalubrità e certe speculazioni, questo pare promettere il Consorzio ASI al Salento. Per avere la dimensione del disastro 1400 ettari è pari a una nuova città di 140.000 abitanti!

Nella foto si mostra uno dei 5 mastodontici progetti di cancellazione del Salento rurale, del suo Paesaggio e della Salubrità inisita in questi luoghi di natura e Salute. E i cittadini sono sempre lasciati ad essere vittime e cavie di queste follie! … e lo chiamano “sviluppo”!

Dopo le fallimentari aree PIP (Piani Insediamento Industriale), dopo le fallimentari Aree Artigianali, dopo le devastanti opere industriali di cave, industrie insalubri e chi più ne ha più ne metta, arrivano i Consorzi ASI per la piena cancellazione del Salento e dei Beni Comuni dei salentini garantiti dalla Costituzione Repubblicana in primis il Paesaggio e la Salute!

5 mastodontiche aree di “sviluppo” industriale si promettono di immettere sul suolo vergine e salubre del Salento per un totale di altri quasi 1400 ettari di territorio bruciati in nome del cemento e dell’asfalto! La Vita sostituita dalla morte del territorio, e dietro i peggiori business camuffati quali “sviluppo”. Si fermi questa ennesima metastasi che promette di devastare territori di altissimo pregio e di prioritaria importanza nella loro dimensione di naturalità e salubrità! Si chiudano questi Consorzi devasta Salento e si bonifichino tutte queste aree da ogni elemento alieno e frutto della peggiore marcia visione di industrialismo selvaggio!

 

Cosa aggiungere altro? Se non un bel :
“Viva l’inutilità, l’inefficienza e la strafottenza!”


Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
Natura e Ambiente, Politica, Varie

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Andrea Catino "Like sand in the wind" Successivo Giulio Cesare Vanini Taurisano 1585 - Tolosa 1619​​

Lascia un commento