Nel 1839 Ferdinando II di Borbone aveva sanzionato e vietato la Tratta dei neri – in America fu abolita dopo la guerra civile del 1865 

Spread the love

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

jhgfghjklkj

Nel 1839 Ferdinando II di Borbone aveva sanzionato e vietato la Tratta dei neri – in America fu abolita dopo la guerra civile del 1865 

Il 14 ottobre 1839 a Capodimonte, Ferdinando II, sovrano del Regno delle Due Sicilie, emanò l’Editto (europeo diremmo oggi) inerente la prevenzione e repressione dei reati relativi al traffico della schiavitù, cui fu dato il nome di – Tratta de’ Negri –  

Ferdinando II delle Due Sicilie

Questa ricerca io la feci nel 2014 e la pubblicai in un mio vecchio sito (wix), ma sinceramente la notizia che avevo appena letto nei documenti non mi meravigliò …, in quanto studiando i Borbone, è inevitabile per me immaginare una democrazia di alto livello in quella monarchia. Quindi dopo qualche mese la pubblicai, e successivamente dopo due o tre anni pubblicai anche l’altra (bella) scoperta del “reddito di cittadinanza” (che fu subito captata e divenne legge contemporanea). 

I Borbone furono fra i primi in Europa a editare un documento sull’abolizione della tratta della schiavitù. E’ un raro documento che testimonia la coerenza spirituale della monarchia borbonica, che abolì la schiavitù già trenta anni prima di quell’evoluzione che avverrà poi in America in seguito alla guerra civile del 1865. In questo editto borbonico vi è contenuto l’elenco delle pene per i trafficanti e per le navi che si prestavano a tale traffico, facendo anche riferimento a convenzioni stipulate con la Francia e la Gran Bretagna, che sancivano collaborazione nella repressione della tratta. Difatti,  il 14 febbraio 1838, era stipulata la Convenzione con Inghilterra, Francia e il Regno delle Due Sicilie, in base alla quale gli alleati erano obbligati a combattere la tratta degli schiavi con le armi e con denaro pubblico.

Sicchè nel 1839 Ferdinando II promulgò la «Legge per prevenire e reprimere i reati relativi al traffico conosciuto sotto il nome di Tratta de’ negri» per contrastare quello che lui definiva un «traffico abbominevole». L’editto era costituito da 15 articoli con l’elenco delle pene che variavano in base a determinate situazioni in cui la tratta era bloccata. Ad esempio se la nave impiegata per la tratta era stata bloccata prima o dopo della partenza da un porto, o se fosse già in mare aperto con il suo carico di schiavi, o che ancora non fosse giunta a destinazione.

Ceppi utilizzati per incatenare gli schiavi.

Erano previsti anche sconti di pena per i membri dell’equipaggio che avessero collaborato con l’esercito e le guardie borboniche, ossia se questi avessero avvisato le autorità borboniche almeno 15 giorni prima della partenza della nave; ma non era previsto nessuno sconto di pena per l’armatore, il capitano, gli ufficiali, il proprietario della nave, l’assicuratore e per chi aveva fornito il capitale per la navigazione. Particolare non da sottolineare è che per bloccare questa tratta degli schiavi, la lungimiranza del re Borbone lo portò a formulare anche delle care sanzioni per chiunque avesse  fabbricato, venduto e acquistato gli arnesi da impiegare per la tratta degli esseri umani. Erano poi previste ulteriori pene più gravi per chiunque avesse picchiato, stuprato, sodomizzato o ucciso uno schiavo.

In questo Editto infine compariva la “Gran Corte criminale”, che doveva provvedere alla liberazione di quegli schiavi, ai quali veniva consegnata gratuitamente «copia legale della decisione di libertà».  

Cfr :  “Collezione delle Leggi e de’ Decreti Reali del Regno delle Due Sicilie”, Napoli, 1839.
https://books.google.it 

Reddito di cittadinanza nel Reame Due Sicilie, 1831

DECRETI DEL REGNO DEI BORBONE

Podcast – nel 1839 i Borbone abolirono la schiavitù 


Become a Patron!

Diventa mecenate Patreon di BelSalento.com nella piattaforma del mio crowdfunding e scopri i vantaggi che ho riservato solo per te. Con la tua donazione potrò sviluppare al meglio le mie attività di creator e in cambio avrai tanti benefit e premi super esclusivi disponibili solo per chi entrerà nella mia comunity Patreon 😉 Non esitate a scrivermi con nuove idee o suggerimenti :)) Qui il mio invito per voi lettori.

Sostieni BelSalento ~ da 20 anni Servizi di Fruizione Culturale della Terra dei Due Mari

Patreonhttps://www.patreon.com/BelSalento
Paypalhttps://www.paypal.me/giogrecobelsalento
SitoWebWww.BelSalento.com
FacebookBelSalento.com
YoutubeGiovanni Greco 
Ebay: grec_10 https://www.ebay.it/usr/grec_10

a cura di Giovanni Greco per i Servizi di Fruizione Culturale di BelSalento – SOSTIENI e mantieni in vita questo canale rivolto a fornire servizi di fruizione culturale sulla terra dei due mari.
DONA tramite PAY PAL o carta di credito.

a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”. BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
BelSalento Radio Podcast, Borbone e Risorgimento

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Le bambole in cartapesta leccese di Luigi Guacci a cavallo fra 1800 e 1900 Successivo Podcast - nel 1839 i Borbone abolirono la schiavitù 

Lascia un commento