Mons. Giuseppe Candido in BelSalento

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

Monsignor Giuseppe Candido (Lecce 1837 – Ischia 1906)

25335f_7d372d006422efc1a733ce722f1dba9eNato a Lecce nel 1837, entrò a dieci anni nel Reale Collegio dei Gesuiti, dove avviò brillantemente i suoi studi di Fisica, Matematica e dell’Elettricità. Con il suo insegnante Padre Nicola Mozzi, il Candido partecipò, dal 14 al 27 gennaio 1859, alla realizzazione di uno dei primi esperimenti di illuminazione pubblica, in occasione della presenza del Re Ferdinando II, in visita a Lecce.

Laureatosi a Napoli in Matematica e Fisica tornò a Lecce dove, presso la sua abitazione in via Regina Isabella, aprì una scuola privata. Costruì e ideò numerosi dispositivi innovativi già a quei tempi. L’elettricità era tutta da sperimentare e nelle case di tutta Europa erano generalmente utilizzate lampade a gas di petrolio, in quanto mancava totalmente qualunque uso domestico della “nuova” invenzione: l’elettricità. Il leccese Candido applicò l’uso dell’elettricità nella gestione della casa, dai campanelli di allarme ai dispositivi di sicurezza e alle sveglie. Alcuni di questi dispositivi possono a buon diritto essere considerati i precursori di apparecchi ancora in uso oggi, come gli interruttori e i temporizzatori a mercurio.

Ideò una pila elettrica, da lui denominata pila a diaframma regolatore. Questa pila fu poi brevettata nel 1867 e fu presentata all’Esposizione Internazionale di Parigi di quell’anno, ottenendone una menzione onorevole. Altra invenzione del Candido è stato il  pendolo elettromagnetico sessagesimale.

Nel 1868 inaugurava la sua rete di 4 orologi elettrici sincroni da torre. Quella fu la prima realizzazione del genere in Italia ed una delle poche in Europa.

Nel 1881, Leone XIII lo nominò Vescovo di Lampsaco e coadiutore del Vescovo di Nicastro, in Calabria. Ricevette onori e riconoscimenti anche da molti dei più famosi scienziati a lui contemporanei.

 Ma la più importante delle applicazioni dell’elettricità è costituita dalla rete di orologi pubblici elettrici sincroni, da lui ideata e realizzata a Lecce tra il 1868 e il 1874, prima del genere in Italia e una delle prime in Europa. Rimase in funzione fino al 1937.

 

 

PENDOLO ELETTROMAGNETICO

Si tratta di un pendolo in cui l’energia per mantenere le oscillazioni è fornita dall’elettricità e non dalla discesa dei pesi o da una molla come nei pendoli classici; lo scappamento è mosso da una coppia di elettromagneti. Il primo pendolo elettrico pare sia stato costruito da Bain nel 1840. Il Candido ideò il pendolo elettromagnetico per farne l’orologio motore dei suoi orologi elettrici e la versione definitiva fu quella riportata nel volumetto celebrativo del trentennale di funzionamento degli orologi. Per anni si è cercato l’unico esemplare, realizzato a Napoli da Augusto Bernard, di questo prezioso frutto della genialità del Candido, ed era ormai dato per definitivamente scomparso quando inaspettatamente, nel 1997, esso è stato ritrovato, da appassionati, negli scantinati di una scuola di Lecce, sorprendentemente in ottime condizioni. Il pendolo elettromagnetico nella versione riportata nel volumetto contenente il testo della conferenza su “Gli Orologii Elettrici di Lecce” tenuta dal Cav. Prof. Cosimo De Giorgi l’11 Maggio 1899 per celebrare il trentennale di funzionamento degli orologi.


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov

Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco