Mappe del Salento nella storia

di Giovanni Greco

Mappe del Salento nella storia

Già Cosimo de Giorgi considerava la terra del Salento come quella penisola pugliese

Mappa_Soleto

avente 3 vertici ideali : Taranto, Ostuni e Santa Maria di Leuca. Tale mappa (che è riprodotta per incisione su un vaso attico smaltato in nero del V sec a.C) è la prima rappresentazione geografica storica del Salento ed è una delle più antiche mappe geografiche del mondo occidentale. E’ conservata presso il Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

Mappa di Soleto


Colonie_greche_d'italia_e_sicilia

Salento_antico

Nel periodo pre Romano i Greci chiamavano la penisola salentina Messapia (cioè “Terra fra due mari”) che era la pianura abitata dai Messapi, una popolazione di origine illirica o egeo-anatolica le cui città principali erano 16: Alytia (Alezio), Ozan (Ugento), Brention/Brentesion (Brindisi), Hyretum/Veretum (Vereto), Hodrum/Idruntum (Otranto), Kaìlia (Ceglie Messapica), Manduria, Soletum (Soleto), Neriton (Nardò), Orra (Oria), Cavallino,Muro Leccese, Rudiae (Lecce), Basta (Vaste), Thuria Sallentina (Roca Vecchia) e Egnazia.


I Romani chiamavano Salentini gli abitanti delle terre che circondavano il Golfo di Taranto.  La divisione augustea delle province italiane chiamerà la attuale regione Puglia Regio II : Apulia et Calabria con la seconda (attuale Salento) nettamente distinta dalla Apulia (attuali province di Bari e Foggia)


salentoLa Tabula Peutingeriana, risale alla metà del IV secolo d.C. E’ un rotolo di pergamena di 12 fogli, che rappresentano l’Ecumene, ossia il mondo antico così com’era conosciuto all’epoca della sua redazione. In esso sono indicate strade, stazioni intermedie, toponimi e le distanze misurate in miglia del sistema stradale della penisola salentina.

La Tabula Peutingeriana che descriveva le principali vie del Salento

Rizzi-Zannoni02

Atlante marittimo delle Due Sicilie disegnato per ordine del Re da D.Gio: Antonio Rizzi-Zannoni Geografo regio dell’Accademia elettorale di Baviera di quella di Gottinga. di Padova,& c. scandagliato dal piloto di vascello D. Salvatore Trama. Parte prima che contiene il Perimetro Littorale del Regno di Napoli MCCXCII.
Autore: Giuseppe Guerra inc., e scris. che si può considerare il migliore incisore topografo del secolo. (1752ca -1820ca) Cristoph Heinrich Kniep (1755-1825) disegno’.
Data di stampa: 1792
Luogo di stampa: Napoli
Descrizione: E’ il frontespizio di questo magnifico atlante giustamente considerato come uno dei capolavori della cartografia italiana del secolo XVIII. E’ tra i cinquanta primati del regno di Napoli ed è il primo atlante marittimo nel mondo. (De Crescenzo) Malgrado quanto dichiarato nel frontespizio, (parte prima) quest’opera non fu mai completata con la parte seconda che doveva comprendere il rilievo delle coste siciliane. Alcuni fogli hanno in filigrana le lettere S M che identificano la cartiera di Stefano Merola di Traetto che, per ordine di Ferdinando IV, produceva carte speciali dedicate alla realizzazione di carte geografiche. Opera in folio massimo. Per quanto riguarda la penisola Salentina, vi era purtroppo un errore nelle longitudini di ben 31′ e 49” e la stessa perciò risultava più spostata ad Est rispetto alla realtà e per questo l’atlante fu snobbato da francesi ed inglesi. Giovanni Antonio Rizzi Zannoni 1736/1814 fu astronomo e cartografo; ingegnere geografo nel Dépôt de la Marine a Parigi; direttore scientifico della commissione per la carta geografica del Regno di Napoli dal 1781 al 1795; capo della Officina topografica napoletana tra il 1795 ed il 1806; direttore del Burò topografico di Napoli dal 1807 al 1814. (Valerio) Presente in solo due biblioteche italiane ed in una di queste a Napoli, mutilo. TITOLO Atlante marittimo delle Due Sicilie disegnato per ordine del Re da D.Gio: Antonio Rizzi-Zannoni Geografo regio dell’Accademia elettorale di Baviera di quella di Gottinga. di Padova,& c. scandagliato dal piloto di vascello D. Salvatore Trama. Parte prima che contiene il Perimetro Littorale del Regno di Napoli MCCXCII.

BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

BelSalento è una produzione

“GIOVECOM – giovani e comunicazione”

http://giovecomarte.wix.com/giovecomarte
hjklò

 

         

Precedente Puglia : l'Arif è stata Commissariata il 31 marzo 2016 Successivo Galatina, Lecce - secondo lotto tangenziale sud ovest - su un piano regolatore degli anni '70 del '900