MAGLIE: UN’ALTRA CARTOLINA CONDANNATA ALLA SCOMPARSA – ALTRO CEMENTO ED ESCAVAZIONI PER ALTRE LOTTIZZAZIONI!

13393968_10209950808956894_2762013638505135066_n

di Oreste Caroppo 

MAGLIE: UN’ALTRA CARTOLINA CONDANNATA ALLA SCOMPARSA – ALTRO CEMENTO ED ESCAVAZIONI PER ALTRE LOTTIZZAZIONI!

Cartelli di cantiere pro lottizzazioni, segni della fine, a destra sulla via per Otranto poco dopo il sottopasso ferroviario!
Dal cartello par di comprende che il nome della contrada è forse “Cavalieri”.
OK, ma lì ci son bei muretti a secco, masserie vincolate o da far assolutamente vincolare con tutte le loro strutture annesse della civiltà contadina, e alberi preziosi di Pino domestico italico ad ombrello da pinoli (Pinus pinea), Pino di Gerusalemme (Pinus halepensis), Cipresso mediteraneo sempreverde (Cupressus sempervirens) e non solo, e chissà cosa altro di storia, paesaggio e natura.
Tutto da cancellare di nuovo e ancora, come in una vandalica pira di libri e sapere antico, o invece tutto quello almeno preservato nei progetti che non ho ancora approfondito!?!
Non ho visto ad oggi nessuna azione politica concreta per fermare davvero questa devastazione che in ogni caso, è innegabile questo, è volta a consumare altro suolo! Nulla da parte di nessuna forza politica, e dire che poche settimane or sono gli enti e associazioni più sensibili avevano tenuto in Maglie alla presenza degli amministratori persino un convegno sullo stop al consumo di suolo, e quale suolo allora se non quello qui in foto, suolo che produce ottimi cereali! 13501984_10209950772875992_6056641088438133176_n

Le foto scattate il pomeriggio di Domenica 19 giugno 2016 dalla prima stazione di benzina sulla destra dopo il sottopasso in direzione Otranto uscendo dal centro abitato di Maglie. In fondo si scorgono le ultime case di periferia. Il cartello di cantiere grande si osserva lì nei pressi dalla strada Maglie-Otranto, a destra dell’inquadratura, qui tenuto fuori per catturare incontaminata ancora la magia del paesaggio condannata dall’ insensibilità che non ascolta ragioni e dalla tracotante pinguedine che non conosce limiti e cui la cementificazione non basta mai!


AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

         

Precedente RADIO L’ISOLA CHE NON C’E’ – INFANZIA VIOLATA INFANZIA NEGATA – Dimmi di che segno sei e ti dirò chi sei Successivo Il 27 Giugno 2016 ha aperto a Salice la Galleria d'Arte "La COLONNA"