Lucio Livio Andronico in BelSalento

di Giovanni Greco

filosofi e matematiciLucio Livio Andronico

Lirica latina – Taranto, III secolo a.C.

Il 240 a.C., è la data che segna l’inizio della letteratura latina con la rappresentazione di un testo teatrale da parte di Livio Andronico.

Lucio Livio Andronico nacque a Taranto intorno al 284 a.C. e morì verso il 200 a.C. È il primo poeta latino a noi noto che introdusse nella capitale il metro classico greco. Di lui abbiamo solo i titoli di nove tragedie: Achilles, Aiax Mastingoforus (la sferza di Aiace), Equos Troianus, Aegistus Hermion, Hermiona, Andromeda, Danae, Imo, Tereus; e abbiamo anche i titoli di tre commedie: Gladiolus, Ludis, Verpus (?). Fece conoscere ai romani le opere della poesia greca, prima fra tutte l’Odyssia.. Dopo di lui Ennio dotato di maggiori capacità perfezionerà le forme letterarie. Si tramanda che il poeta si ritirasse in meditazione lungo la costa adriatica del Salento. Fu condotto schiavo a Roma, forse da fanciullo nel 272, quando l’esercito di Pirro lasciò la città mantenedovi solo una guarnigione di soldati dell’Epiro che si arresero ai romani.

LE OPERE

Achilles,
Aiax Mastingoforus
(la sferza di Aiace),
Equos Troianus,
Aegistus Hermion,
Hermiona, Andromeda,
Danae, Imo, Tereus, Gladiolus, Ludis, Verpus

Maggiori info su https://it.wikipedia.org/wiki/Livio_Andronico

B-DSMNaIMAE9M_7Del poeta e drammaturgo il cui nome è associato all’atto di nascita della letteratura latina, Lucio Livio Andronico, abbiamo scarne notizie soprattutto da Cicerone e Tito Livio. Andronico sarebbe stato un greco-italico probabilmente originario di Taranto – l’anno di nascita è ignoto – di dove sarebbe venuto a Roma nel 272 a.C. (anno della conquista di quella città da parte dei Romani) come prigioniero e schiavo di Livio Salinatore, dal quale sarebbe poi stato incaricato dell’educazione dei figli.

Affrancato, avrebbe assunto, secondo l’uso, il nomen dal suo patrono e avrebbe fondato una scuola nella quale avrebbe insegnato lettere greche e latine. Il praenomen sarebbe Lucius, attestato in Gellio, Festo e Cassiodoro; Titus è invece presente in Nonio e san Girolamo, ma sembra meno probabile per la coincidenza con lo storico Tito Livio col quale sarebbe stato confuso.

Se la sua attività di insegnante è per noi poco più di un dato di tradizione, la sua attività di scrittore è invece certa e di grande interesse, poichè a Livio Andronico è attribuita la prima rappresentazione di una fabula, cioè di un’opera teatrale – non si sa se una tragedia o una commedia; Cassiodoro parla di due fabulae, una commedia e una tragedia – a Roma nel 240 a.C. Ecco la celebre testimonianza con la quale Cicerone riporta il fatto (Brutus 71-73)
Di tutta la produzione teatrale di Livio Andronico ci restano otto titoli di tragedie (Achilles, Aegisthus, Aiax mastigophorus, Andromeda, Danae, Equos Troianus, Hermiona, Tereus), tre di commedie (Gladiolus, Ludius o Lydius, Virgo o Vargus) e una ventina di versi in tutto; ben poco, quindi, possiamo dire del teatro di Andronico. Nonostante sembri evidente l’influsso della cultura greca di cui era imbevuto e dei grandi modelli che le appartenevano, si può ravvisare soprattutto nella scelta degli argomenti (su otto, cinque tragedie appartengono al ciclo troiano, che era sicuramente caro ai Romani) l’aspirazione a ricreare in ambiente romano con intento di autonomia ciò che era imitato dal greco. Sembra che Livio Andronico, oltre che scrittore, fosse anche attore nelle sue opere in teatro, come forse Plauto dopo di Lui. Racconta Tito Livio che Andronico, negli ultimi anni della sua vita, ormai anziano, si limitasse a gestire sulla scena, mentre la sua parte sarebbe stata recitata da una voce fuori scena.
Se nulla possiamo dire del partenio propiziatorio, di cui non possediamo nulla oltre la notizia, qualcosa di più si può presumere per quella che è ritenuta la maggiore opera di Livio Andronico, l’Odusia, una libera traduzione dell’Odissea di cui ci restano una quarantina di frammenti. Con le scelte del testo, l’Odissea poema della pazienza invece dell’Iliade poema dell’azione, e del metro, il vecchio saturnio caro alla poesia latina delle origini (Ennio, come si è visto, lo disse il verso che olim Faunei vatesque canebant), Andronico intendeva forse portare i suoi ascoltatori a contatto con la grandezza della poesia greca, allo stesso tempo ricollegandosi alle origini del popolo romano, argomento che riteneva, come abbiamo notato, e probabilmente non a torto, di particolare interesse per il pubblico.
I pochi versi residui dell’Odusia, infatti, nonostante siano in massima parte frutto di una scelta peculiare, poiche tramandatici soprattutto da grammatici per le loro singolarità lessicali, se non permettono di conoscere e nemmeno di farsi un’idea dell’arte e dello stile di Andronico, mostrano però con evidenza come egli intese il proprio rapporto con il grande modello prescelto. Quella di Andronico, infatti, non appare mai una traduzione passiva e priva di ricercatezza, perche anzi egli mira sempre a ricreare, se possibile, un effetto artistico all’altezza dell’originale mediante l’uso di caratteri stilistici ed espressivi di gusto romano. Certamente Andronico, che ha quale materia di poesia una lingua di pastori e soldati, ancora mai toccata dall’esperienza poetica, si scontra con le carenze espressive del latino; ma questo non lo scoraggia, e anzi egli viene spavaldamente incontro alle proprie necessità con l’introdurre di termini nuovi, figli peraltro di una sensibilità artistica e lessicale che saremmo tentati di non riconoscere a un precursore e che pertanto sorprende ancor più. Ciò di cui Andronico è l’iniziatore, seguito da Nevio ed Ennio, è un nuovo patrimonio espressivo in lingua latina, per il quale egli non solo foggia neologismi su traduzione dal greco, preferiti ai calchi pedissequi, ed equivalenti romani di nomi greci – la Moùsa ad esempio diventa Camena, la Moìra Morta – ma anche recupera termini latini ricercati, non di rado arcaici; un patrimonio espressivo che ha lo stesso sapore, talvolta persino etimologico, dell’originale greco.
Non è improprio, tale è la forza artistica della traduzione, cercare una prova di quanto si è affermato nel raffronto tra il solo celebre primo verso dell’Odusia (virum mihi Camena insece versutum) e il corrispondente celeberrimo verso omerico (àndra moi ènnepe Moùsa polùtropon): nel testo latino, che conserva quasi fin nell’ordine delle parole la corripondenza con l’originale, si osserva un esempio di esatta, cercata equivalenza di significato, tra versutum e polùtropon, e addirittura una esatta equivalenza insieme semantica ed etimologica, poiche insece ha la stessa radice di ènnepe; e il fatto che Andronico non potesse conoscere la parentela che lega l’etimologia greca con quella latina, seppur certo, si scuote nel riconoscere almeno un altro caso di esatta corrispondenza, quando Mnemosùne diventa Moneta. Il tutto corroborato dagli effetti espressivi, di gusto tipicamente romano, di allitterazione, tra insece e versutum, e l’omoteleuto, tra virum e versutum.
D’altronde Andronico è un grammatico, benche una simile attenzione ai fenomeni linguistici non possa apparire che guidata da felice intuito. Peraltro appare inserirsi nello stesso solco l’uso di termini che erano arcaici già alla sua epoca; uso che si spiega inoltre con l’intento di aggiungere solennità al verso. Il medesimo intento di solennità e sacralità si può riconoscere nella scelta del saturnio, verso che aveva insieme il gusto antico dell’epica e il sapore italico e romano che già abbiamo osservatun’o. Non a caso tale sarà in seguito la scelta di metro da parte di Nevio per il suo Bellum Poenicum e tale la sua predilezione per gli arcaismi.
La scarsità dei resti non consente un giudizio moderno sulle capacità o anche solo sulla personalità poetica di Livio Andronico; restano peraltro i giudizi degli antichi.

Fonte: www.urbisetorbis.org


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
info cel : 373 7244103
mail : [email protected]
fb : facebook.com/groups/belsalentoweb
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

Iscriviti al nostro gruppo facebook