“lu Scazzamurreddhu“ o “Municeddhu” o “Carcaluru”

ricerche a cura del dott Giovanni Grecolauru

“lu Scazzamurreddhu“ o “lu Lauru“
il piccolo gnomo dispettoso

25335f_44f5d820146d43e6a875b972ec9e0ca3Lu Scazzamarreddhu o Lauru era un dispettoso gnomo che si divertiva a intrecciare i capelli o la crina dei cavalli e a sedersi sullo sterno dei dormienti per dar loro incubi o sogni sensuali – e che regalava soldi o cocci a chi gli rubava il cappello.

“lu Scazzamurreddhu“ o “Municeddhu” o “Carcaluru”

figura fantastica e ben radicata nella tradizione popolare, era descritto come un piccolo gnomo alto 30-40 cm, sempre scalzo con in testa un cappello rosso a punta, dagli occhi scuri e la testa pelosa. Era l’anima di un bambino morto prematuramente; “defecava” monete d’oro e faceva continuamente dispetti. Appariva esile come un gatto e la sua smania era di possedere un paio di scarpette, e se ne sdebitava con chi gliele donava “defecando” monete d’oro, o indicandogli un tesoro nascosto. Di indole dispettosa e irruenta tornava mansueto solo se lo si privava del suo prezioso berretto. La notte si intrufolava nelle camere da letto e si divertiva a sedersi sul petto dei dormienti provocando terribili incubi e anche pesantezza allo stomaco (da questa pressione sullo stomaco deriva appunto “carcaluru”). Preferiva sedersi sul seno delle donne e durante il sonno ispirar loro sogni sensuali. Ma anche si divertiva ad introdursi nelle stalle e intrecciare il pelo degli animali, specialmente code e criniere di cavalli, spennare galline e oche, o nascondere oggetti. Chi riusciva ad impossessarsi del suo cappello poteva comandarlo … la proposta di scambio dello gnomo era : ”Ce buei cuperchi o soldi?” cioe cocci o soldi. Se si rispondeva ”Cuperchi” lui donava soldi. Nel caso contrario portava cocci (cuperchi) a chi gli chiedeva denaro. Come altri folletti anche lu Scazzamurreddu conosceva bene i luoghi di segreti tesori. Secondo Benedetto Croce il termine scazzamauriello deriva da “scacciamaurino” (i maurini erano i monaci benedettini dell’ordine di san mauro). Nella zona del Capo di Leuca sono conosciuti con il termne: “Monacu, Monachicchiu”.

In Nardo e Porto Cesareo sono conosciuti come “Carcaluri“, per la caratteristica di calcare sullo sterno del dormiente.

Naturalmente la sintomatologia ha una natura fisiologica, ma nell’antichità questo malessere veniva attribuito al maligno o al fantastico; da wikipedia alla voce : Incubo (sogno) “L’incubo è un tipo di sogno che si presenta in modo angosciante e a volte è accompagnato da una sensazione di oppressione al petto e/o da difficoltà respiratorie  (…) Fino al XVIII secolo, gli incubi erano considerati causati da stregonerie con le creature malefiche che si appoggiavano al petto del dormiente. Il termine infatti deriva da “incubare”, atto che richiama l’immagine dello spirito maligno che cova sul petto del dormiente”.

Illustri autori si sono occupati di questi gnomi furbetti : “Fanno il solletico sotto i piedi agli uomini addormentati, tirano via le lenzuola dei letti, buttano sabbia negli occhi, rovesciano bicchieri pieni di vino, si nascondono nelle correnti d’aria e fanno volare le carte e cadere i panni stesi in modo che si insudicino, tolgono le sedie di sotto alle donne sedute, nascondono gli oggetti nei luoghi più impensati, fanno cagliare il latte, danno pizzicotti, tirano i capelli, pungono e fischiano come zanzare, hanno un debole per i crini e le code dei cavalli che amano intrecciare inestricabilmente” (Carlo Levi)- Nei Comuni della Grecia Salentina è conosciuto con il nome di “Sciacudri” che deriva dalla parola Greca “Jakos“ Giacomo da cui il diminutivo “Jakullis” Giacomino. A Lecce viene chiamato Lauro, Uru o Laurieddhu. Dalla radice “Laura” ossia le cavità naturali  che furono abitate dai monaci orientali Basiliani tra l’VIII e il XI sec. nel Salento (per sfuggire alla persecuzione iconoclasta di Leone Isaurico). Per il loro isolamento furono conosciuti dagli abitanti locali del tempo, come fossero degli spiriti dei boschi, come abitanti delle grotte (laure) e pertanto a loro fu attribuito il nome di Lauri (abitanti delie laure) e Laurieddhu (diminutivo e vezzegiativo).

L’Acchiatura

L’Acchiatura, fa parte della leggenda salentina, ed è un luogo in cui è contenuto uno scrigno prezioso ricco di tesori spesso nascosto tra le mura di antiche dimore o palazzi. La leggenda dice che i custodi di quei nascondigli siano gli Scazzamurreddhi o Lauri o Laurieddhi, questi fantastici gnomi dispettosi.

Il “Lauro” o “Uru”

Con il suo cappello rosso a punta e dalla vocina  stridula lo si sentiva di notte : “Nu b’è successu nienzi, nu tè preoccupare, ieu suntu, statte tranquilla“ (non è successo niente, non ti preocupare, sono io, stai tranquilla).

“è un essere che preoccupa la mente degli sciocchi. Irritante ed irritabile, danneggia e benefica, secondo capriccio, è il Dio Lare di quei tuguri che sceglie a dimora. E già lo Uru suole impossessarsi d’un abitacolo scendendo dai tubi fumaioli d’un camino. Infatti le cento volte ho sentito dipingerlo basso, anzi piccin piccino, gobetto, con gambe un po’ marcate in fuori, peloso di tutta la persona, ma d’un pelo morbido e raso. Copregli il capo un piccolo cappelletto a larghe tese e indossa una corta tunica affibbiata alla cintola. I piedi poi… non so nulla dei suoi piedi per non averli mai visti.
In fin dei conti l’Uru altro non è se non uno di quei folletti tra il bizzarro e l’impertinente, tra lo stizzoso e lo scherzevole, cattivo con chi lo ostacola o sveli le sue furberie, condiscendente, anzi benefico, con chi gli usa tolleranza. Bazzica più volentieri nelle stalle, dove ospitatosi una volta difficilmente ne esce. Impadronitosi di una di esse tosto s’innamora della cavalla o dell’asina che meglio gli garba e l’assiste e la carezza di preferenza, nutrendo della biada sottratta alle compagne, o rubata ai presepi prossimi o lontani. È da notare che la bestia favorita gode l’alto onore di essere da lui stesso strigliata, lisciato il pelo ed intrecciati graziosamente i crini del collo e della testa.
Di giorno non appare giammai, esercita di notte le sue trappolerie. Se poi s’impossessa di un’abitazione, s’appiatta nei luoghi più reconditi, per lo più nel sacernale (trave maestra del tetto). Di là nella notte spicca il salto e cade giù producendo un tonfo sordo come pantofola scagliata contro un muro.   Talaltra volta, scapolato quatto quatto da buchi inosservati, o da catasta di vecchie quisquiglie eccolo a metter sossopra masserizie ed annessi, cambiandogli di luogo, a sparecchiar gomitoli e tele del telaio o a svegliar le persone, rompendo piatti, bottiglie, bicchieri.
Guai se è in collera col suo ospite. Se questi dorme i suoi sogni dorati, questi improvviso gli cavalca il petto e glielo calca fino a fargli perdere il respiro (incubo). È un brutto momento, uno di quelli in cui si crede di morire. Ma se l’oppresso riesce a vincere l’affanno e stende la mano sull’oppressore, ghermirlo per ciuffetto e tenerlo fermamente, fortunato lui! La sua sorte è fatta! L’Uru è geloso fino alla morte della propria libertà e ghermito così piange e prega e tutto promette a riaverla. Non gli si chiegga danaro allora, perché vi colmerebbe di cocci; meglio chiedergli cocci che vi subisserà di danaro.
Ad interpretare un tal nome dovremmo investigare nel latino, nel greco ed anche nell’ebraico. Più di rado lo chiamano moniceddhu (monacello) o scazzamurrieddhu” (Castromediano).

in Islanda ELFI e GNOMI valgono più di asfalto cemento e industrie


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov

Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco