Libro di Adriana Pulitì Nessun Campanile

NESSUN CAMPANILE di Adriana Pulitì

“Guardo con muso asciutto i miei compagni seduti al tavolo ad ascoltare. La donna del Ghana occhieggia verso la ragazza baltica; il ragazzo spagnolo tamburella gentile con le sottili dita. Nel frattempo, una realtà pare disvelarsi; apparentemente snobbata in precedenza. E non mi capacito del perché. Sollevo la mia tazza, premurosamente preparatami dagli enormi occhi di Serena e lascio scivolare il suo contenuto caldo. Perché mai, ‒quindi, mai interessato ai cavalli del Caucaso? Una realtà apparentemente snobbata: snobbata mentre mi lavo i denti, trangugio rumorosamente i tagliolini ascoltando con grande impegno Sandra; mentre compilo il form per l’iscrizione alla scuola estiva, rimando a memoria “Il Cinque Maggio” e raccatto le feci del cane. Mentre tutta la mia vita corre, indipendente; indipendentemente da alture non familiari, da guglie di maestose cattedrali mai viste o pensate, alle quali non corre affetto o nostalgia. Indipendentemente dal volteggio perfetto – olè! – delle ballerine di flamenco, dall’urlo calcistico di un povero stadio di qualsiasi povera periferia. Penso stupidamente ai rattoppi di mondo, di una coperta forse comune; ma veri e autentici solo per chi vi è nato, e sorride fiero dinanzi all’inconsapevolezza di un casuale compagno straniero; capitato lì, per caso, senza alcuna necessità.” (Adriana Pulitì)

Un interessante e intenso racconto che prende spunto dalla realtá, sia pure trasfigurata. Parte dalla personale percezione della condizione di “straniero”, vissuto dall’autrice durante un periodo vissuto in Belgio, e denso di sfumature del percepito ossia di quei dettagli che smuovono un’autocoscienza critica sia nei propri riguardi, sia nel modo in cui la realtà è percepita riflessa negli altri “stranieri”. Un racconto intimista, che non parla solo di “amore per ogni luogo della terra”, in un’ottica cosmopolita ed egalitaria, ma che è incentrato su un coflitto di amore ed odio per la propria terra – Giovanni Greco


BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

         

Precedente Il pellegrinaggio in epoca medioevale : la Via Francigena VII - XII secolo Successivo Radio L'Isola Che Non C'è - Prepper e numeri ricorrenti