La preghiera dell’ulivo – Poesia di Emanuela Rizzo

di Emanuela Rizzo

La preghiera dell’ulivo

Custodiscimi,
proteggimi,
tienimi con te.
Pioggia e vento
mi scalfirono,
e poi fu tempesta,
e poi fu veleno
e poi l’aria,
cosa c’era nel cielo?
Nulla è come fu
in questi campi,
anche la terra
non mi nutre più.
Voglio vivere però,
vedo ancora la gente passare
sotto i rami
volersi riposare,
vedo i fidanzati
che si promettono
amore,
vedo gioia e vedo dolore.
Sono un ulivo
e chi l’avrebbe mai detto?
Dissero che sarei stato il più forte
che da tutto sarei stato protetto,
ma poi utilizzarono un veleno
che piano piano
mi avrebbe fatto morire.
Disintossicami,
liberami,
ce la posso fare.
Sono generoso io,
voglio ancora donare
l’ombra dei miei rami
a chi sotto di essi si vorra’
riposare.

Poesia di Emanuela Rizzo
Foto di Maria Pacoda

La poesia di Emi Rizzo “la preghiera dell’ulivo” supera le 7.700 visualizzazioni e i 3.600 I Like.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

 AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli

(Isaac Asimov)

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
info cel : 373 7244103
mail : [email protected]
fb : facebook.com/groups/belsalentoweb
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

Iscriviti al nostro gruppo facebook