La preghiera dell’ulivo – Poesia di Emanuela Rizzo

di Emanuela Rizzo

La preghiera dell’ulivo

Custodiscimi,
proteggimi,
tienimi con te.
Pioggia e vento
mi scalfirono,
e poi fu tempesta,
e poi fu veleno
e poi l’aria,
cosa c’era nel cielo?
Nulla è come fu
in questi campi,
anche la terra
non mi nutre più.
Voglio vivere però,
vedo ancora la gente passare
sotto i rami
volersi riposare,
vedo i fidanzati
che si promettono
amore,
vedo gioia e vedo dolore.
Sono un ulivo
e chi l’avrebbe mai detto?
Dissero che sarei stato il più forte
che da tutto sarei stato protetto,
ma poi utilizzarono un veleno
che piano piano
mi avrebbe fatto morire.
Disintossicami,
liberami,
ce la posso fare.
Sono generoso io,
voglio ancora donare
l’ombra dei miei rami
a chi sotto di essi si vorra’
riposare.

Poesia di Emanuela Rizzo
Foto di Maria Pacoda

La poesia di Emi Rizzo “la preghiera dell’ulivo” supera le 7.700 visualizzazioni e i 3.600 I Like.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”. BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
         

Poesie

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente Squalo catturato dai pescatori a Gallipoli. Ma era innocuo Successivo La meravigliosa "Cozza Penna". Pesca illegale.