il Cerro albero autoctono pugliese

13781898_1623548497936439_6598486123147892583_na cura di Andrea Riforestiamo Il Salento

Un albero autoctono pugliese è il Cerro, può raggiungere i 35 m di altezza e diametri del tronco che possono superare il metro; è meno longeva della Farnia, della Rovere, della Roverella e del Farnetto.
Ha tronco dritto e slanciato con una corteccia nei primi anni grigia e liscia, ma già dopo una decina di anni si forma un ritidoma con scanalature sempre più profonde e verticali interrotte da solchi trasversali stretti si da formare uno spesso strato suberoso e rugoso di colore grigio scuro ma che, a differenza delle altre querce, mostra la zona di crescita di color salmone, molto evidente durante la stagione vegetativa.13781833_1623548527936436_8512441737552308810_n13781904_1623548434603112_2140424990365931902_nLa fioritura avviene in aprile-maggio; i fiori maschili, hanno 4 stami e sono riuniti in amenti pauciflori cilindrici, penduli lunghi 5-8 cm; i fiori femminili hanno 4 stili, riuniti in spighe di 1-5 fiori con asse cilindrico e tomentosi.
Fra l’impollinazione e la gamia intercorrono da 13-14 mesi, perchè durante il primo anno si ha l’arresto dello sviluppo del gametofito femminile.
I frutti alla fine del primo anno sono piccoli come gemme e brevemente peduncolati; durante la stagione vegetativa riprendono lo sviluppo e nel mese di ottobre maturano e disseminano e le ghiande sono portate sui rami del secondo anno, di forma bislunga.
L’apparato radicale è molto sviluppato, adatto a sopportare anche periodi di siccità, ha un fittone che penetra molto in profondità già all’inizio della crescita della plantula e rimane sempre attivo per tutta la vita della pianta.


AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb.

         

Precedente Roberta Doria - I sogni di erre 18-25/7/2016 Galleria "La Colonna" Successivo Fiori di campo, personali di pittura e performance contro la violenza sulle donne e madre terra di Tania Pagliara