FENICOTTERI ROSA – AIRONI BIANCHI E CINERINI – GRU – NEL SALENTO di Giuliana Lubello

a cura di Giuliana Lubello

FENICOTTERI ROSA – AIRONI BIANCHI E CINERINI – GRU – NEL SALENTO

La Salina dei Monaci si estende a ridosso di un tratto di dune litoranee ad ovest di Torre Colimena, in territorio di Manduria. Nella depressione che ospita la salina un tempo si riversava l’acqua marina proveniente dalle forti mareggiate; in seguito questa venne incanalata in due condotti ricavati nella scogliera tufacea e regolata nell’afflusso da apposite chiuse in legno. Tutt’ora la salina viene alimentata attraverso questo immissario artificiale.
La Salina rappresenta un interessante ambiente di origine antropica non solo sotto il profilo storico-sociologico, attestando tracce di fervida attività umana, ma anche dal punto di vista floristico e faunistico.
Dal punto di vista faunistico, la salina rappresenta un luogo di sosta per numerosi uccelli migratori. Qui, nelle ultime primavere, ha sostato un cospicuo gruppo di fenicotteri rosa, nutrendosi della numerosa fauna limicola ed acquatica, da qualche anno oggetto di studio da parte dei ricercatori dell’Università di Lecce. Le “giovani coppie” di fenicotteri rosa arrivano in Puglia per accoppiarsi. Animali belli e rari, i fenicotteri rosa in Italia nel Mediterraneo appaiono in rare zona, in particolare in Sardegna e in Turchia. Quando arrivano danno però vita a uno spettacolo unico nella natura, oggetto di centinaia di studi della biologia: un vero e proprio corteggiamento, un dolce rincorrersi. Una danza ancestrale, tra piume che si muovono e il corpo monco che compie figure disegnate dalla storia e dalla natura.
Suggestivo e spettacolare il colpo d’occhio che si ha apprezzando i laghetti che caratterizzano l’area, Infatti, la migrazione delle specie protette che, ogni anno, fa di salina dei monaci la meta preferita di sosta per gli uccelli acquatici che svernano verso l’Africa. In questa oasi naturalistica di Torre Colimena, sono molte le specie protette che svolazzano fra i laghetti: oltre ai fenicotteri. Infatti, si possono vedere cavalieri d’Italia, anatre, aironi cenerini, aironi bianchi maggiori, gru e folaghe. Valorizzare meglio questa oasi consentirebbe l’incremento del turismo naturalistico, del bird watching, ed un nuovo uso sostenibile del territorio.
Giuliana Lubello


BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
info cel : 373 7244103
mail : [email protected]
fb : facebook.com/groups/belsalentoweb
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb