Facciamo il COMPOST e la camera di compostaggio – BelSalento Happy Farm

ricerche a cura del dott Giovanni Greco

Facciamo il COMPOST e la camera di compostaggioBelSalento Happy Farm

Qui nel video è presentata la creazione di una camera di compostaggio, sfruttando lo spazio di una antica “loggia” una specie di piccolo pozzo in disuso. Girando in internet non ho trovato nessun altro esempio simile, ma parlando con un contadino mi son convinto di utilizzare quell’area per realizzarvi una camera di compostaggio.
Vi sono anche altri metodi ancor più semplici per realizzare in casa un buon Compost. Ad esempio Malachianta Associazione degli ulivi Squinzano – Trepuzzi, ci propone questo. Ottime soluzioni da creare in armonia con l’ambiente.


di Giuliana Mastroleo

Oggi #compostiamo

Un metro di rete metallica, due metri di telo ombreggiante, e qualche ramo. Non serve altro per costruire una compostiera fai da te con solo € 9,10. Conferire i rifiuti organici in queste compostiere significa smaltire rifiuti in modo utile, otterremo così un terriccio da utilizzare per il nostro giardino, ottimo fertilizzante, ma si può fare anche più di questo, l’eccesso potrebbe essere destinato alla cura della campagna portando quella famosa sostanza organica che un tempo non mancava di certo.
Se non lo sai conferire i rifiuti organici nella tua compostiera ti permette di ottenere uno SGRAVIO sulla TASSAZIONE, chiedi in comune, così non avremmo bisogno di un servizio che risulterebbe superfluo, sopratutto potremmo scongiurare il rischio di nuovi mega impianti di compostaggieo sotto la porta di casa, anche un modo per combattere la mafia del rifiuto.
Insomma una cosa buona e giusta.
Lo fai anche tu? Compostiamo insieme?
Ricordati però che una volta ogni quindici giorni il compost va rigirato e quando diventa terriccio lo puoi mettere nei vasi delle tue piante che faranno fiori eccezionali.

https://www.facebook.com/malachiantaassociazione/posts/316877228690596


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.
BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov

Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco