Elenco dei Sindaci che hanno sottoscritto il documento-appello al Presidente Mattarella su TAP

#NOTAP – L’APPELLO DEI SINDACI SALENTINI

Al Presidente della Repubblica Italiana
Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Al Presidente della Regione Puglia

Perché chi abita il territorio ha diritti e doveri: dovere di essere informato e diritto di tutelarsi, difendere la propria terra e programmare un futuro sostenibile.

Illustrissimi Presidenti,
certamente avete appreso dalle notizie di questi giorni gli eventi che stanno turbando l’intera comunità salentina.

Il progetto del gasdotto TAP determinerà una violenta e irreversibile ferita a questo territorio, unico per le sue bellezze e per le sue caratteristiche paesaggistiche apprezzate in tutto il mondo.

Questo territorio si fregia di importantissimi riconoscimenti (Bandiera Blu d’Europa e premio 5 vele Legambiente) e di una presenza turistica in costante aumento, tra le più importanti destinazioni turistiche d’Italia.

L’approdo del gasdotto TAP dista pochi km dall’area di Roca Vecchia, uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo, e dalla Riserva Naturale dello Stato “Le Cesine”, zona umida di interesse internazionale gestita dal WWF.

Questa infrastruttura energetico-industriale prevede, in corrispondenza della stupenda spiaggia di San Basilio (San Foca – Melendugno), la costruzione di un maxi tunnel in cemento armato lungo 1,5 km e una successiva condotta di oltre 8 km – che devasterà così la campagna salentina – sino alla gigantesca centrale di depressurizzazione, estesa per 12 ettari, a ridosso di quattro centri densamente abitati (Comuni di Melendugno, Vernole, Calimera, Castrì), con gravi conseguenze sulla salute e per la sicurezza di oltre 30 mila abitanti.

Il gasdotto terminerà a Mesagne (Brindisi), dopo aver percorso ben altri 55 km per collegarsi alla rete nazionale SNAM, continuando a ferire in maniera irreversibile il caratteristico paesaggio del basso Salento, con l’espianto e l’inutile sacrificio di oltre 10.000 alberi di ulivo, da sempre simbolo della fecondità e della produttività di questa terra e condannandolo ad una conseguente mutazione “genetica”.

A questo progetto le comunità dell’intero Salento da anni si oppongono, e continuano a farlo, con il sostegno dei Sindaci e delle Amministrazioni comunali democraticamente elette, nella consapevolezza che l’infrastruttura TAP è incompatibile con la bellezza millenaria di questi luoghi.

Tutti noi sottoscrittori siamo certi – confortati da competenti studi scientifici – che, se tutto ciò sarà portato a termine, si determineranno molteplici impatti negativi sotto il profilo ambientale, culturale, sociale, economico, sanitario e della sicurezza.

Siamo altrettanto convinti che opere di tale portata e così altamente impattanti devono obbligatoriamente essere condivise ed accettate dalle popolazioni destinate a riceverle, nel rispetto dei principi democratici di leale e fattiva collaborazione tra tutti gli organi dello Stato.

I sottoscritti Sindaci salentini, i Parlamentari, i Consiglieri Regionali, per tutto quanto sopra detto, rivolgono accorato appello al Presidente della Repubblica Italiana, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente della Regione Puglia e a tutte le Autorità competenti affinchè venga disposta un’immediata sospensione delle attività in corso anche a tutela dell’incolumità dei cittadini che legittimamente manifestano il proprio dissenso e degli stessi lavoratori.

Gli stessi sottoscrittori chiedono che le Illustrissime Autorità in indirizzo vogliano convocare con urgenza un incontro tecnico politico, propedeutico all’avvio di un’attività di ricerca di soluzioni più avanzate.

Certi di un Vostro positivo riscontro,
rivolgiamo Distinti saluti.


Hanno aderito 94 comuni, mancano due comuni commissariati ed uno non pervenuto. Ecco l’elenco dei Sindaci che hanno aderito (in ordine di adesione) alla sottoscrizione del documento-appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla questione TAP.
In fondo alla lista – dopo lunga riflessione – gli ultimi.


Il giorno 1 aprile 2017 hanno aderito i seguenti Comuni.
Quelli che hanno aderito nei giorni successivi sono elencati in ordine di adesione in fondo alla pagina.


1 Melendugno – Marco Potì
2 Vernole – Luca De Carlo
3 Calimera – Francesca De Vito
4 Castrì – Andrea De Pascali
5 Sternatia – Massimo Manera
6 Melpignano – Ivan Stomeo
7 Martignano – Luciano Aprile
8 Lizzanello – Fulvio Pedone
9 Castrignano dei Greci – Antonio Zacheo
10 Caprarica – Paolo Greco
11 Trepuzzi – Giuseppe Taurino
12 Ortelle – Francesco Rausa
13 Martano – Fabio Tarantino
14 Cannole – Leandro Rubichi
15 Tricase – Antonio Giuseppe Coppola
16 Castro – Alfonso Capraro
17 Alessano – Francesca Torsello
18 Zollino – Antonio Chiga
19 Poggiardo – Giuseppe Luciano Colafati
20 Corigliano d’Otranto – Dina Manti
21 Uggiano la Chiesa – Salvatore Piconese
22 Gallipoli – Stefano Minerva
23 Palmariggi – Franco Zezza
24 Patú – Gabriele Abaterusso
25 Carpignano Salentino – Paolo Fiorillo
26 Bagnolo – Sonia Mariano
27 Nardò – Pippi Mellone
28 Nociglia – Massimo Martella
29 Sannicola – Cosimo Piccione
30 Surano – Carlo Giuseppe Galati
31 Maglie – Ernesto Toma
32 Minervino – Fausto De Giuseppe
33 Scorrano – Antonio Mariano
34 Carmiano – Giancarlo Mazzotta
35 Acquarica del Capo – Francesco Ferraro
36 Diso – Carrozzo Antonella
37 Andrano – Mario Accoto
38 Muro Leccese – Antonio Lorenzo Donno
39 Spongano – Antonio Candido
40 Cursi – Antonio Melcore
41 Alezio – Vincenzo Romano
42 Corsano – Biagio Martella
43 Giuggianello – Giuseppe Pesino
44 Giurdignano – Monica Laura Gravante
45 Botrugno – Pasquale Barone
46 Sanarica – Salvatore Sales
47 Surbo – Fabio Vincenti
48 Guagnano – Fernando Leone
49 San Cesario – Andrea Romano
50 Sogliano Cavour – Paolo Solito
51 Soleto – Graziano Vantaggiato
Fonte
Presidio NO TAP


Il giorno 2 aprile 2017 hanno aderito i seguenti Comuni.

52 Aradeo – Daniele Perulli
53 Arnesano – Emanuele Solazzo
54 Campi Salentina – Egidio Zacheo
55 Cavallino – Bruno Ciccarese
56 Collepasso – Paolo Menozzi
57 Copertino – Sandra Schito
58 Cutrofiano – Oriele Rosario Rolli
59 Gagliano del Capo – Carlo Nesca
60 Galatone – Livio Nisi
61 Lecce – Paolo Perrone
62 Leverano – Giovanni Zecca
63 Melissano – Alessandro Conte
64 Miggiano – Giovanni Damiano
65 Montesano Salentino – Silvana Serrano
66 Morciano di leuca – Luca Durante
67 Neviano – Silvana Cafaro
68 Novoli – Gianmaria Greco
69 Porto Cesareo – Salvatore Albano
70 Presicce – Salvatore Riccardo Monsellato
71 Salve – Vincenzo Passaseo
72
San CassianoGabriele Petracca
73 Santa Cesarea Terme – Pasquale Bleve
74 Seclì – Antonio Casarano
75 Squinzano – Cosimo Miccoli
76 Tiggiano – Ippazio Morciano


Il giorno 3 aprile 2017 hanno aderito – dopo lunga riflessione – anche i seguenti Comuni (frazioni incluse).

77 – Acaya (frazione)
78 – Alliste
79 – Arigliano (frazione)
80 – Barbarano di Morciano (frazione)
81 – Casarano
82 – Castrignano del Capo
83 – Lequile
84 – Matino
85 – Monteroni Di Lecce
86 – Racale
87 – Ruffano
88 – Salice Salentino
89 – San Donato di Lecce
90 – San Pietro in Lama
91 – Specchia
92 – Supersano
93 – Taurisano
94 – Taviano
95 – Tuglie
96 – Ugento
97 – Veglie
98 – Vitigliano (frazione)

Qui invece i Comuni del Salento non ancora pervenuti alla data di oggi 3 aprile 2017.

99 – Galatina e Parabita sono commissariate.
100 – Otranto non è pervenuta


BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

AsimovSe la conoscenza può creare dei problemi,
non è con l’ignoranza che possiamo risolverli
(Isaac Asimov)

 

 

 

— ~ —
a cura di Giovanni Greco
info cel : 373 7244103
mail : giovanni.genau@gmail.com
fb : facebook.com/groups/belsalentoweb
— ~ —
Segui BelSalento, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari.
Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO.
Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

Iscriviti al nostro gruppo facebook