Angelo Luiso di Bitonto (Ba), direttore d’orchestra a Salice Sal (Le) della metà del ‘900

ricerche a cura del dott Giovanni Greco e Rosalba Fantastico Di Kastron

Angelo Luiso “Uomo dalla dignitosa austerità” di origini bitontine (Ba), è stato maestro compositore e direttore della banda del comune salicese (Le) dagli anni ’20 agli anni ’60 del ‘900.

presumibile immagine del maestro bitontino Angelo Luiso, tratta da http://www.editricetitobelati.it/archivio_autori.php

Angelo Luca Domenico Luiso direttore d’orchestra nacque a Bitonto (Ba) il 10 dicembre 1886 e morì a Salice Salentino (Le) il 4 gennaio 1965. E’ stato un compositore e direttore d’orchestra italiano. Era un figlio della coppia Domenico Luiso, contadino, e Apollonia Achille. Studiò presso il Conservatorio di  Musica San Pietro a Majella di Napoli, assorbendo l’influenza compositiva del direttore Maestro Nicola Bellezza (bitontino maestro e istruttore di bande 1846-1932) e del maestro Davide Delle Cese (bitontino tra i maggiori autori di marce funebri di rilievo in Puglia 1856-1938); poi studiò quattro anni (armonia, contrappunto e strumentazione per banda) presso il maestro Pascquale La Rotella (Bitonto, 5 marzo 1880 – Bari, 20 marzo 1963). Dopo aver ottenuto i diplomi, si è concentrato sulla composizione e direzione. E’ stato il direttore di un numero significativo di bande di ottoni, come L’Orchestra Sinfonica di Fiati “Davide Delle Cese” Città di Bitonto e l’orchestra del teatro a Bitonto, la Banda Musicale “Niccolò Piccinni” Città di Toritto (dal 1911) la Banda “F.Fenaroli” Città di Lanciano (1939-1940), l’Associazione Banda di Castellana Grotte (dal 1950), la Banda Musicale di Salice Salentino (1919-1924, nel 1930 e dal 1955) la Banda Garibaldina Molfetta (1924-1926 e 1931-1947), la Grande Orchestra di Fiati di Santa Cecilia di Taranto, il Gran Concerto bandistico “G. Paisiello” di Taranto, la Banda Città di Martina Franca, il Corpo bandistico Euphonia Città di San Giovanni Rotondo (dal 1954) e la Banda del Gruppo Folkloristico “Les Majorettes” di Grumo Appula. Oltre a numerosi adattamenti della musica classica e selezioni di opere italiane, ha scritto le sue opere per la musica del vento. La sua Salve Regina è famosa in tutta la regione e di solito viene eseguita durante o dopo la processione di sera del 1 ° luglio. La sua opera Epopea Belga fu incoronata con una medaglia d’oro dalla famiglia reale belga.

Si sposò il 1 gennaio 1913.

Il maestro Angelo Luiso era amico di Gennaro Fantastico (di Salice Salentino – Le, tenore e pittore impressionista di chiara fama), e ogni anno, il 1° luglio, si apriva la festa patronale della “Madonna della Visitazione” con la “Salve Regina”, un brano lirico scritto dal maestro Luiso e cantato da Gennaro Fantastico. Il nipote di Angelo Luiso fu Domenico Luiso Ispettore degli affari generali del Provveditorato agli Studi di Bari e poeta, che da bambino veniva spesso a Salice per trovare lo zio Angelo.

Alre importanti opere del Maestro bitontino Angelo Luiso sono state “I Saraceni”  Grandiosa Marcia Sinfonica (strumentazione dell’autore Presentazione partitura Pubblicazione, [1911-1940]), e la sua famosa  Marcia Funebre Triste Tramonto” del 1933-34 (alcune fonti dicono sia stata scritta nel 1947), in ricordo della moglie Ventafridda Serafina di Bitonto, morta proprio quando il sole tramontava; altre fonti dicono che fu colpito da profondo dolore per la dipartita della cara madre.
La marcia è davvero eccezionale perché, al pari di un’opera, presenta un repentino cambiamento di tempi e di scale che conferiscono al brano un effetto orientale. Il riadattamento all’organico moderno è stato effettuato nel 1964 dal Maestro Angelo Inglese.

Marce funebri. Band. fa minore | Luiso, Angelo [movimento:] 1.1 [voce/strumento:] cl-a Eb [tonalità:] f [chiave:] G-2 [alterazioni:] bB [misura:] c [contesto musicale:] ‘4.D8E{FxCDF}/4.B8xG2A/A4bBnF/1G/
Marce funebri. Band. fa minore | Luiso, Angelo [movimento:] 1.2 [voce/strumento:] ott [tonalità:] f [chiave:] G-2 [alterazioni:] bBEAD [misura:] c [contesto musicale:] =2/{”’8.C”6nE}4E+{6ExFGA}{nB”’C6.bE3bD}/4.C”8nE2E/
Cfr : https://opac.sbn.it/

 Concerti per banda

  • 1912 La Dea degli Dei, marcia
  • 1918 Un saluto a Turitto, marcia
  • 1924 Triste tramonto, marcia funebre
  • 1949 Reginetta, marcia sinfonica
  • Alba fiorita, marcia
  • Dualismo, marcia
  • I Saraceni, marcia sinfonica
  • Mormorio del ruscello, marcia
  • Occhi ipnotizzatori, marcia
  • Rittorno alla vita, marcia sinfonica
  • Salice, marcia
  • Salve Regina, per tenore e banda armonica
  • Scusi, ma di che!, marcia

Al maestro Angelo Luiso il comune di Salice ha dedicato una via ed in piazza Plebiscito, sulla parete esterna dell’abitazione dove ha vissuto per alcuni decenni (proprio di fronte la Chiesa madre), nel 2000 è stata posta una targa in marmo con la dicitura “in questa casa per molti anni in dignitosa austerità visse il maestro ANGELO LUISO creando per noi salicesi pagine armoniose della sua musica”.

Bibliografia

  • Marino Anesa: Dizionario della musica italiana per banda – Biografie dei compositori e catalogo delle opere dal 1800 a oggi, Seconda edizione riveduta e ampliata: oltre 5000 compositori, in collaborazione con ABBM (Associazione Bande Bergamasche), 2004. 2 volumi, 1204 p.
  • Marino Anesa: Dizionario della musica italian per banda, Primera edizione, 2 vols., 1993-1997.; 1036 p.; Vol. [1]. Biografie dei compositori e catalogo delle opere dal 1800 al 1945, Bergamo : Biblioteca Civica “Angelo Mai”. – 1993. – 515 p.; Vol. [2]. Biografie dei compositori e catalogo delle opere dal 1800 ad oggi., Bergamo : Biblioteca Civica “Angelo Mai”. – 1997. – 519 p.

Dal sito del Comune di Salice Sal (Le) abbiamo queste ulteriori notizie
Cfr: http://www.comune.salicesalentino.le.it/territorio/personaggi-illustri/item/angelo-luiso)

Dopo aver compiuto i suoi studi di musica presso il Conservatorio di Napoli, sin da giovane si dedicò alla direzione ed alla composizione. Come maestro concertatore e direttore ha portato in auge molti concerti bandistici, da Bari a Lecce, dirigendo poi per moltissimi anni la Banda di Salice Salentino, in particolare dagli anni 1919 – 24, poi negli anni ’30 e infine negli anni ’50, facendola conoscere e stimare degli appassionati di mezza Italia.

Uomo integerrimo, concertatore finissimo, molto esigente con i professori d’orchestra, sempre energico ed appassionato nelle sue prestazioni sul podio, nella vita privata fu invece molto tenero, amico e confidente di tutti i salicesi, nei confronti dei quali riversava forse quell’affetto che non aveva potuto profondere nei confronti dei figli.

E’ stato un compositore tenace e appassionato, ed ha saputo trasferire nella sua musica la forza del suo carattere e gli echi della musicalità campagnola e salentina, fra misti di verismo lirico di derivazione pucciniana e mascagnana. Le sue composizioni sono difficili da eseguire perché richiedono un grande impegno da parte degli esecutori ma in compenso sono molto melodiose e orecchiabili. Famosissima è la sua Salve Regina, che da oltre sessanta anni viene eseguita a Salice la sera del 1° luglio, in occasione della Fiera “Madonna della Visitazione“, nella Piazza Plebiscito a conclusione della Solenne Processione.

Una sua composizione musicale, dal titolo Epopea Belga, ebbe poi l’onore di essere premiata con medaglia d’oro dai regnanti del Belgio. Compose inoltre la Reginetta ed altre opere, che furono eseguite ed ebbero riconoscimenti a Parigi e in tutta Italia.

Morì a Salice il 4.1.1965.

(Le vie dei Salicesi, a cura di Franco Colletta – Maci Editore – 2000)


Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”. BelSalento è un progetto a cura del dott Giovanni Greco

i miei viaggi in Europa dal 1996 al 2014 – Giovanni Greco

Sostieni il sito di BelSalento.comun progetto nato nel 1998 a cura del dott Giovanni Greco. Se ti sono piaciute le ricerche dei nostri articoli e trovi utile l’impegno e il lavoro di fruizione culturale che offriamo da circa venti anni, sostieni questo sito con una tua libera e preziosa donazione su PayPal; scegli tu l’importo che ritieni giusto donarci. Il tuo contributo è fondamentale per farci crescere e migliorare la produzione dei video-documentari e delle pagine internet che leggi sfogliando questo sito.
L’intera redazione di BelSalento.com te ne sarà infinitamente grata
😉



Asimov
Se la conoscenza può creare dei problemi, non è con l’ignoranza che possiamo risolverli (Isaac Asimov)

Segui BelSalento.com, arte storia ambiente e cultura della terra dei due mari. Dal 1998 servizi di fruizione culturale : Tradizioni, Mare e Terra del BEL SALENTO. Parco Letterario, Archeologia Industriale, Preistoria, Storia e Ambiente, Cucina, Arte, Musica, Poesie, Cinema, Teatro, Webtv, GreenLife, Foto, Giornalino e Video Documentari più un blog e due profili fb

 

a cura di Giovanni Greco
         

Musica, Parco Letterario

Informazioni su belsalento

Giovanni Greco, dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell'aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l'agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com - arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari - Servizi di Fruizione Culturale”.

Precedente corpi tiepidi vivi pulsanti e giocosi - poesie di Giovanni Greco Successivo La bellezza salverà il mondo, la poesia lo renderà migliore. La bellezza e la poesia in Claudia Belli - di Emanuela Rizzo